12 Luglio 2017

Salgono i casi di morbillo: +370% rispetto a giugno 2016

 

 

Sono stati 401, a giugno 2017, i casi di Morbillo registrati in Italia a fronte degli 85 registrati a giugno 2016 (+370%). Salgono complessivamente a 3.500, da inizio anno i contagi segnalati, nel 35% dei casi è stata registrata almeno una complicanza e due sono stati i decessi . Ad aggiornare i dati è il 16/mo bollettino settimanale (Settimana di riferimento 3-9 luglio 2017) nato per monitorare e descrivere in modo tempestivo l’ epidemia di Morbillo in corso nel nostro Paese da gennaio 2017, a cura di Ministero della Salute e Istituto superiore della sanità (Iss). L’ 89% dei contagiati non era vaccinato, il 6% vaccinato con una sola dose . Il 41% è stato ricoverato, il 22% ha fatto ricorso al pronto soccorso. Il 56% dei casi è stato registrato tra 15 e 39 anni, il 6% invece, ovvero ben 210 casi, ha riguardato bimbi sotto l’ anno di vita, i più a rischio e quelli che ancora non possono essere vaccinati. Registrati, infine, 255 casi tra operatori sanitari, più a rischio di trasmettere la malattia a persone immunodepresse. Leggi anche: Il decreto vaccini arriva in Senato. Ecco tutte le novità Questi dati dimostrano quanto sia importante la prevenzione. La norma sui vaccini obbligatori in queste ore è all’ esame del Senato. Una norma necessaria che però non è voluta da tutti, alcuni gruppi parlamentari, M5S su tutti, si oppongono alla riforma . Ma anche alcune associazione sono contraria. Il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha annunciato una ‘black list’ dei senatori che voteranno a favore del decreto Lorenzin. “Pubblicheremo sul nostro sito web la lista nera con i nomi dei senatori che si esprimeranno a favore del decreto ‘vergogna’, e chiederemo agli italiani di ricordarsi di loro alle prossime elezioni e di non votarli Questo perché il decreto sulle vaccinazioni presenta una serie di criticità e di errori tali da rappresentare un enorme danno per la collettività, trasferendo 1 miliardo di euro dalle tasche dei cittadini a quelle delle case farmaceutiche. Un provvedimento che, nonostante l’ innegabile importanza dei vaccini, ha poco a che vedere con la salute pubblica, e dietro il quale si cela l’ ombra sospetta di conflitti di interesse già segnalati all’ Autorità Anticorruzione”. Intanto è arriva lo stop della commissione Bilancio al Senato alla norma che prevedeva che la somministrazione dei vaccini possa avvenire in farmacia , da parte di medici e infermieri. A quanto si apprende, la 5a commissione si è espressa negativamente per mancanze di coperture finanziarie. L’ emendamento approvato in commissione Sanità era stato presentato da Forza Italia.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox