13 Febbraio 2018

Sale da gioco: il Consiglio di Stato boccia il Codacons

BOLZANO- Il Consiglio di Stato ribadisce la necessità di una consulenza tecnica per stabilire se il regolamento sulle distanze minime decise dalla Provincia di Bolzano per le sale da gioco determini l'”effetto espulsivo” di tutte le attività legate al settore. Respinta quindi la richiesta del Codacons di revocare la perizia. Secondo l’ associazione dei consumatori, i dati contenuti nel database “L’ Italia delle Slot”, dimostrerebbe che non esiste effetto espulsivo e renderebbe inutile «qualunque altro approfondimento istruttorio». Il Consiglio di Stato considera «generici e non circostanziati» anche i dubbi espressi dal Codacons nei confronti del consulente tecnico d’ ufficio nominato dal Collegio, il professore Cesare Pozzi dell’ università Luiss di Roma. Lo scorso giugno il Consiglio di Stato aveva stabilito di disporre la consulenza tecnica visto il «persistente contrasto tra le parti» sulla «sussistenza, o meno, di un concreto effetto espulsivo» e della rilevanza che tale questione assume sulla potenziale questione di legittimità costituzionale.Entro il 15 febbraio il consulente dovrà trasmettere alle parti uno schema della relazione, ed entro il 1° marzo i consulenti di parte dovranno inviare le loro osservazioni. Entro il 30 marzo la documentazione dovrà essere depositata, mentre l’ udienza è stata fissata a giugno 2018.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox