13 Luglio 2001

“Saldibluff? Negozio chiuso“

“Saldibluff? Negozio chiuso“

E il Comune schiera una speciale task force contro le finte offerte
Domani partono ufficialmente le svendite. La proposta dei commercianti: punire severamente i trasgressori

Saldi sicuri grazie ad una speciale task force. Lo promette il neo assessore al commercio Daniela Valentini, che proprio ieri ha incontrato e istruito a dovere i 112 vigilantes dei negozi. Ma nonostante la presenza degli “ispettori“, quest`anno ancora più severi, occorre fare attenzione alle finte offerte. Le svendite di fine stagione prenderanno il via a partire da domani e proseguiranno per tre settimane. Occhio a scegliere con attenzione le boutique: è la raccomandazione che le associazioni dei commercianti romani rivolgono ai clienti alla vigilia dell`appuntamento più consumistico dell`estate.
«La nostra posizione dice Roberto Polidori, presidente della Federabbigliamento di Roma è per il rispetto della legalità. Abbiamo contribuito a segnalare alcune ditte che hanno iniziato i saldi in anticipo e siamo contrari alla liberalizzazione delle date. Chiediamo che, agli esercizi che violano ripetutamente le norme, siano inflitti alcuni giorni di chiusura forzata». Polidori ha consigliato ai consumatori di raffrontare i prezzi scontati con quelli presaldi. «Fino al 50 per cento di sconto ha aggiunto si è sicuramente nel rispetto delle regole. Oltre questa soglia può esserci qualche sospetto». Per la Federazione italiana settore moda della Confesercenti di Roma «bisogna fare attenzione agli sconti su articoli non di stagione. L` assortimento ridotto della merce è sintomo di qualità e di regolarità dei saldi. Comunque, meglio rivolgersi ai negozi di fiducia». «Bisogna pretendere anche la possibilità di pagare con la carta di credito e il Bancomat nei negozi che espongono i relativi marchi all` ingresso aggiunge dal Codacons Italo Mannucci spesso i negozianti, durante i saldi, costringono gli acquirenti a pagare in contanti, cosa assolutamente ingiustificata. Attenzione anche agli esercizi che praticano grossi sconti mascherati prima dell`inizio dei saldi, magari con il pretesto del rinnovo dei locali o della cessione dell` attività commerciale».
Comunque saranno intensificati i controlli degli ispettori annonari. Daniela Valentini lo ha promesso. «Nei primi dieci giorni ha detto faremo controlli a tappeto, in diverse zone della città, per tutelare i consumatori, ma anche i commercianti che sarebbero danneggiati da una concorrenza sleale». Gli ispettori sono stati divisi in otto gruppi, di cui sei hanno l`incarico di eseguire controlli in tre circoscrizioni per ogni gruppo, uno nella I circoscrizione e un altro a Ostia. E sui saldi ieri è intervenuto anche Roberto D`Agostino. Per lui, è tutto un fatto mentale: «Vedi lo sconto e già ti ecciti, anche se è falso. I piaceri della vita vengono da cose immaginarie, non dalla realtà che ci circonda. Per la serie: quattro saldi in padella».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox