fbpx
7 Luglio 2019

SALDI ESTIVI 2019/ Codacons, Rienzi: “Italiani disinteressati allo shopping”

 

La stagione dei saldi estivi è iniziata ufficialmente in tutta Italia. Pure le ultime regioni in attesa si sono adeguate a quelle che già da qualche giorno avevano dato il via agli sconti: da sabato 6 luglio è possibile beneficiare di sconti sui prezzi in tutta la Penisola. Le incertezze sul volume di affari che verrà generato in quest’estate 2019 sono però importanti. Lo ha ammesso Carlo Rienzi, presidente del Codacons che come ogni anno diffonde le previsioni sull’andamento degli sconti:”Al momento non si registra un particolare interesse dei consumatori per i saldi, e le aspettative dei commercianti rischiano di rimanere deluse. Il forte calo della fiducia delle famiglie e l’incertezza sul futuro del paese, congiuntamente alla data di partenza dei saldi fissata per luglio, periodo in cui la maggior parte dei cittadini nei weekend preferirà recarsi al mare, giocano un ruolo determinante sull’andamento delle vendite”. (agg. di Dario D’Angelo)
SALDI ESTIVI IN TUTTA ITALIA

Sono iniziati in tutta Italia i saldi estivi 2019. Nella giornata di ieri, dopo che alcune regioni avevano già anticipato la stagione, ovunque sono apparsi cartelli con i vari sconti 20, 30, 40%. A 24 ore dall’apertura dei ribassi, si può tirare un primo mini bilancio, con l’agenzia Ansa nella sua edizione online che sottolinea una partenza al ribasso, condizionata dal grande caldo che sta mordendo l’Italia ormai da un mese a questa parte. Di conseguenza, sono stati penalizzati i classici negozi al centro delle città del Belpaese, in favore invece dei numerosi centri commerciali e outlet che ormai si trovano in ogni angolo dello stivale, dal nord al sud. Ascom e Confesercenti, attraverso il presidente della sezione di Torino, Maria Luisa Coppa, ha fatto sapere: «La stagione in pratica è partita solo ora. Ma è presto per preoccuparsi. In molte località della provincia questa sera ci sarà la notte dei saldi, per fare un bilancio aspettiamo la prossima settimana».
SALDI ESTIVI 2019

«I negozi storici subiscono la concorrenza dell’online e della grandi catene – ha aggiunto – che fanno sconti tutto l’anno. Per fronteggiare la situazione serve l’aiuto della politica». Secondo Giancarlo Banchieri, presidente della Confesercenti di Torino, i saldi andrebbero invece posticipati: «altrimenti gli acquirenti aspettano senza comprare prima. E si dovrebbe regolamentare il web». Insomma, non sono mancate le polemiche, anche se, secondo le stime, gli italiani spenderanno da un minimo di 65 euro a testa a persona, ad un massimo di circa 100/150 euro. I commercianti sperano ovviamente che con l’apertura dei saldi si possa raddrizzare una stagione che era partita male a causa del maltempo primaverile, e che non ha fatto registrare numeri importanti. Oggi sarà senza dubbio un’altra giornata significativa in tema di shopping, con i grandi centri che verranno nuovamente presi d’assalto, anche se per la maggior parte da semplici “curiosi”. Più facile invece che a portare a termine l’acquisto sia lo straniero giunto in Italia nei grandi centri del nord (soprattutto gli Iper di Arese e di Orio) per portarsi a casa l’occasione.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox