fbpx
22 Novembre 2018

Ryanair: Tar del Lazio accoglie ricorso Compagnia e sospende provvedimenti Antitrust

 

Agenpress. La prima sezione del Tar del Lazio ha accolto il ricorso della compagnia aerea Ryanair, sospendendo i provvedimenti dell’Antitrust con i quali l’Autorità il 31 ottobre e il 7 novembre aveva bocciato la politica tariffaria del vettore relativa al trasporto dei bagagli.

Secondo il Tar infatti “al sommario esame proprio della presente fase, si palesano profili rilevanti, da approfondire comunque nella più appropriata sede di merito, in ordine all’effettiva conformazione del provvedimento impugnato con il ricorso introduttivo …
Considerato che deve essere approfondita nel merito anche la questione relativa ai rapporti tra la potestà tariffaria della società ricorrente e i poteri dell’AGCM nella valutazione degli elementi ai quali rapportare l’effettivo costo del biglietto, nell’ambito specifico del servizio di trasporto aereo passeggeri;
Considerato che, per la struttura organizzativa già in atto della nuova “policy” aziendale come avviata e rappresentata dalla ricorrente e nel bilanciamento degli interessi da valutare nelle more della discussione del merito, risulta prevalente allo stato quello a mantenere la “res adhuc integra”, potendo il ritorno alla “vecchia policy” seguito da un eventuale accoglimento del gravame, con conseguente reintroduzione di quella “nuova”, creare disorientamento negli stessi consumatori, fermo restando che quello impugnato è un mero provvedimento cautelare ex art. 27, comma 3, Codice del Consumo e che l’AGCM può continuare l’istruttoria con gli approfondimenti necessari;
Considerato che, allo stato, l’indicazione del “sovrapprezzo” sul bagagli in questione risulta evidenziata al consumatore”.

Il Tar ha quindi accolto il ricorso della compagnia aerea e, per l’effetto:
“a) sospende l’esecuzione dei provvedimenti impugnati;
b) fissa per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 27 febbraio 2019″.

La decisione del Tar rappresenta una sconfitta per gli utenti e rischia di creare disorientamento tra i passeggeri circa i supplementi da pagare al momento del trasporto bagagli – spiega il Codacons- Confidiamo nell’esito positivo dell’istruttoria aperta dall’Antitrust e valutiamo ricorso al Consiglio di Stato contro l’ordinanza dei giudici amministrativi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox