26 Settembre 2018

Ryanair annulla 150 voli per lo sciopero di lunedì. Ue chiede «Rispetto per le regole»

La compagnia aerea low cost irlandese Ryanair annullerà 150 dei suoi 2.400 voli previsti per venerdì, a causa degli scioperi del personale di cabina in Italia, Belgio, Germania, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Lo precisa la stessa Ryanair sul suo sito Twitter , riducendo le cancellazioni rispetto alle 190 annunciate ieri. La compagnia, che sempre ieri aveva stimato il 30.000 i passeggeri che subiranno l’ impatto delle cancellazioni, aggiunge poi che la maggior parte del personale venerdì sarà al lavoro, il che le consentirà di assicurare il 92% dei suoi 2.400 voli giornalieri previsti. Ryanair definsce «inutili» gli sciopero proclamati per il 28 settembre e fa sapere che tutti i clienti interessati dalle cancellazioni sono stati avvertiti fin da oggi per sms, o per corriere elettronico. Codacons, durante sciopero compagnia tuteli clienti In occasione dello sciopero in programma per il 28 settembre Ryanair «deve attivarsi per tutelare i passeggeri e garantire pienamente i loro diritti, pena nuove azioni legali». Lo afferma il Codacons in una nota. In particolare, ricorda l’ associazione dei consumatori, «la compagnia deve disporre non solo il rimborso del biglietto in caso di cancellazione del volo o ritardo superiore alle 3 ore, ma anche la compensazione pecuniaria da 250 a 600 euro a passeggero, così come previsto dal Regolamento CE 261/2004 e confermato dalla Corte di Giustizia Europea, la quale ha stabilito che l’ indennizzo va riconosciuto anche in caso di sciopero del personale, non rientrando le agitazioni sindacali nelle circostanze `eccezionali’ per cui una compagnia aerea è esonerata dai risarcimenti». O’ Leary: «Annullare sciopero, non ha sostegno» «Annullate questo sciopero che non è sostenuto dalla grande maggioranza dei lavoratori di Ryanair». Lo ha affermato il numero uno di Ryanair Michael ÒLeary in una conferenza stampa a Diegem, secondo quanto riferisce l’ agenzia Belga. «Abbiamo riconosciuto le organizzazioni sindacali, accettato di passare ai contratti locali e rispettare la legislazione locale» poi «accettiamo di negoziare e c’ è lo stesso sciopero», ha detto, «questi scioperi a ripetizione nuocciono alla compagnia e ai clienti».( Incontro tra Commissaria Ua al Lavoro Thyssen e O’ Leary Ryanair deve «assicurare il pieno rispetto della legislazione Ue» come tutte le compagnie aeree e «questo è qualcosa che i lavoratori non devono negoziare e che non può neanche essere rinviato a una data ulteriore». È il monito rivolto dalla commissaria Ue al lavoro Marianne Thyssen al numero uno di Ryanair Michael ÒLeary , che ha incontrato su richiesta di quest’ ultimo a Bruxelles. È stata una «discussione aperta e franca» sulle tensioni sociali che agitano la compagnia aerea, ha detto il portavoce della Commissione Ue. «Sono stata molto chiara con il signor ÒLeary oggi», ha avvertito la commissaria Ue. «Non sono contro Ryanair o contro il modello low cost» ma, ha aggiunto Thyssen, «con un grande successo viene anche una grande responsabilità», senza contare che il mercato interno Ue presenta «regole chiare su un’ equa mobilità del lavoro e protezione dei lavoratori». L’ incontro tra l’ ad di Ryanair e la commissaria è avvenuto a due giorni dal maxi sciopero europeo indetto dai lavoratori della compagnia aerea Ryanair: «Ue apra inchiesta antitrust su interferenze di altre compagnie» La Commissione Ue deve aprire un’ indagine antitrust sulle «interferenze» di compagnie aeree concorrenti nei negoziati in corso tra Ryanair e i sindacati. È la richiesta presentata a Bruxelles, annuncia Ryanair in una nota. In particolare, questa chiede un’ indagine sul comportamento anticoncorrenziale di equipaggi, sindacati e lobby di compagnie di volo concorrenti che stanno «attivamente ostacolando i negoziati» e «organizzando scioperi ripetuti per danneggiare» Ryanair «e la fiducia dei suoi consumatori».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox