9 Aprile 2019

Rubò un milione dai conti a clienti di Poste italiane al via il processo

Cominciato il processo a Carmelina Sardo (difesa dall’ avvocato Salvatore Patanè) 54 anni, ex direttrice delle Poste, accusata di peculato e sotto processo (insieme a Salvatore Raimondo Bordonaro, 35 anni) perché ritenuta responsabile di avere sottratto circa 1 milione di euro da conti correnti, titoli, polizze e buoni fruttiferi ad altrettanti, ignari, titolari di rapporti con Poste. Il processo davanti ai giudici della 3ª sezione penale del Tribunale.Nell’ udienza inaugurale è stata chiesta e poi ammessa parte civile il Codacons. Il difensore di Bordonaro ha eccepito sulla genericità del capo di imputazione al proprio assistito, eccependo anche sulle sulle richieste di risarcimento avanzate al suo cliente dalle parti civili. Dopo una riunione in camera di Consiglio i giudici hanno ritenuto che il capo di imputazione contestato al Bordonaro fosse chiaro. Sul risarcimento avanzato anche a lui è stato deciso che potrà fare riferimento solo al capo di imputazione contestato. Il difensore della Sardo ha chiesto una perizia calligrafica e una contabile ai giudici, richiesta alla quale si è opposto il pm ritenendola prematura. I giudici decideranno il 13 giugno, data della prossima udienza.Cinque in particolare gli episodi contestati. Il più eclatante, 878.756,87 euro, dei quali 181mila incassati tramite assegni bancari che la Sardo sottoscriveva sostituendosi a un’ anziana signora nel frattempo deceduta. Gli altri 697mila furono incassati attraverso l’ estinzione di polizze intestate alla donna. Il Bordonaro sarebbe stato beneficiario di parte del denaro versatogli attraverso ricariche di postepay, emissione di assegni e bonifici. Negli altri episodi la direttrice avrebbe distratto somme di 50mila, di 30mila, di 127mila euro (incassati attraverso undici prelievi) di 24 mila e di 70mila euro. Cinque le persone offese, quattro delle quali costituitesi parte civile al processo. Responsabile civile, Poste italiane Spa. La donna avrebbe agito quando era a capo proprio all’ ufficio di viale Artale Alagona. Scattata l’ inchiesta, la Sardo venne prima trasferita e poi licenziata.Or. Prov.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox