24 Aprile 2020

Rsa, oggi il vertice in procura

Si terrà questa mattina il vertice fra procura e carabinieri del Nas per fare il punto sulle indagini riguardanti la situazione nella case di riposo trentino e per definire anche i prossimi passi da fare, alla luce degli esposti presentati. Il 9 aprile, come noto, il Codacons aveva inviato una prima denuncia, chiedendo di accertare «eventuali e presunte carenze ed omissioni da parte degli enti locali e delle strutture sanitarie nella cura dei soggetti affetti da Covid 19». Una settimana un secondo esposto, più mirato, in cui veniva chiesto di indagare su contagi e decessi registrati presso la Rsa Ledro e Apsp Santo Spirito di Pergine. Una denuncia alla quale era seguito anche un appello, rivolto alla procura, in cui si chiedeva di sequestrare le salme di tutti i pazienti deceduti nelle Rsa della regione per eseguire autopsia. Ma c’ era anche una segnalazione relativa a possibili illeciti nella vendita di dispositivi di protezione individuale. Il procuratore Sandro Raimondi ha aperto due distinti procedimenti penali a modello 45, cioè notizie non costituenti reato. Un primo passo, che consente ai magistrati, di fare indagini conoscitive, già affidate al Nas. I fascicoli sono stati assegnati al pm Marco Gallina. A questo esposti, nei giorni scorsi, ne era seguito un altro, presentato al Nas, che chiama invece in causa la gestione dell’ emergenza coronavirus nella struttura di via Pive a Pergine: a presentarlo gli avvocati Fabrizio Miracolo e Roberto Cappa, del Foro di Benevento ma con studio a Viareggio. I due legali, incaricati da un parente di una persona morta in via Pive per Covid, chiedono che si indaghi sul decesso. Proprio partendo da queste denunce procura e carabinieri del Nas definiranno dunque gli accertamenti necessari per capire se vi siano stati comportamenti di rilevanza penale nella gestione delle case di riposo e se possano esserci responsabilità per i decessi che si sono verificati nelle strutture, dove purtroppo si contano 150 vittime del Coronavirus. Già mercoledì, intanto, erano iniziati i sopralluoghi nelle Rsa. La prima “visistata” dai militari del Nas è stata quella di Cadine. Una delle realtà “virtuose”, dove il virus non è riuscito ad entrare. Proprio l’ esame delle misure messe in atto e delle modalità di gestione dell’ emergenza nelle case di riposo rimaste indenni potranno fornire indicazioni utili per capire se, in altre, ci siano state falle.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox