5 Gennaio 2011

Romani: “Inammissibili i prezzi della Rc auto”

ASSICURAZIONI Romani: ?Inammissibili i prezzi della Rc auto? Il ministro dello Sviluppo economico interviene sulle polizze obbligatorie: tariffe doppie rispetto all’ Europa, vanno abbassate Per il presidente dell’ Isvap, Giannini, ?? possibile ridurre i prezzi del 15-18%?. Il Codacons denuncia rincari ?stellari? del 30% Paolo Stefanato Una delle voci di spesa che pi? pesa sul bilancio delle famiglie ? il costo dell’ assicurazione sull’ auto, sempre al centro di polemiche per i rimpalli tra i consumatori, che lamentano la pressione dei costi, e le compagnie, che si dicono sopraffatte dalle frodi. Ieri sul tema ? intervenuto il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, secondo il quale ? ?inammissibile che il costo medio dell’ Rc Auto sia di 400 euro, contro i 200 del resto d’ Europa?. Lo ha dichiarato al termine di un incontro con i presidenti di Ania (l’ associazione delle compagnie assicurative) e Isvap (l’ autorit? di vigilanza sul settore), Fabio Cerchiai e Giancarlo Giannini, in cui si ? parlato di possibili misure per ?ridurre il costo medio in modo sensibile?. Per tagliare le tariffe, ha spiegato Romani, ?esiste per fortuna una proposta che ? gi? in commissione Finanze della Camera che potremmo avallare come governo in accordo con le opposizioni ?. Per questo il ministro incontrer? la prossima settimana i parlamentari che lavorano alla proposta. Se questa strada non fosse percorribile, il governo potrebbe ?inserire alcune norme nel ddl concorrenza ?. Secondo l’ Isvap, ha detto Giannini, il calo dei prezzi delle polizze ?? possibile? in ragione ?del 15-18%?. Questi ha sottolineato la necessit? del ?potenziamento delle reti delle liquidazioni dei sinistri da parte delle compagnie. Le frodi – ha proseguito – devono trovare il contrasto da parte delle strutture liquidative delle compagnie ?. Giannini ha poi ricordato che ?dall’ 1 gennaio c’ ? la nuova banca dati sinistri dell’ Isvap che consente di scandagliare sinistro per sinistro tutti quelli pregressi?. In ogni caso, ha aggiunto, ?ben venga l’ agenzia antifrode?caldeggiata anche ieri dal presidente dell’ Ania. Ieri i dati Istat sulle stime provvisorie dell’ inflazione hanno confermato che il caro della Rc auto ? continuato anche in dicembre: le assicurazioni sui mezzi di trasporto sono aumentate del 6,6% su base annua (+7% a novembre) e dello 0,5% su base mensile. Ma secondo il Codacons negli ultimi mesi del 2010 le tariffe Rc auto hanno avuto ?rincari stellari, con aumenti medi del 30% anche in assenza di incidenti?. E per il 2011 le notizie non sono confortanti. Sono oltre 2,5 milioni gli italiani che si vedranno peggiorare la classe di merito della loro Rc auto per aver causato un incidente durante il 2010, secondo i dati di assicurazione.it. Il numero pi? alto di denunce di incidente con colpa, nel 2010, sono stati i toscani (7,06%) seguiti dai siciliani (6,71%) e dai pugliesi (6,51%). I pi? bravi al volante risultano molisani e lucani.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox