fbpx
24 Ottobre 2019

Roma, primo sciopero generale

 

Domani sarà un venerdì nero per la Capiale. La città infatti si bloccherà completamente per protestare contro la Giunta Raggi. Si fermano i servizi pubblici, dalla metropolitana agli autobus passando per la raccolta dei rifiuti, i musei e i servizi tributari di competenza comunale. I sindacati confederali hanno confermato lo sciopero generale nelle aziende partecipate del Campidoglio, che contano circa 40 mila dipendenti. E’ il primo sciopero generale della città. “Non c’era mai stato, è il primo, sotto la giunta Marino è stato uno sciopero dei dipendenti comunali, ed è ovvio che non ci divertiamo a bloccare la città – dice il segretario della Uil Lazio Alberto Civica – ma stanno facendo morire le società partecipate”. Sindacati: “Sciopero per Roma, stufi di vivere nel degrado” “E’ uno sciopero per Roma, siamo stufi di vivere nel degrado”, aggiunge Natale Di Cola, della Cgil. A proclamare lo sciopero che riguarderà tutte le società partecipate di Roma, è stata anche la Cisl: “Ce l’abbiamo messa tutta a trovare gli accordi con questa amministrazione, ma poi gli accordi sono diventati carta straccia. Noi vogliamo difendere le partecipate e il loro carattere pubblico”, gli ha fatto eco Gianpaolo Pavon della Cisl. “E’ uno sciopero per Roma e non è a cuor leggero. Siamo stufi di vivere nel degrado con servizi scadenti e dipendenti che lavorano in condizioni umilianti, con violenze su operatori Atac e Ama. Un clima così ostile nei confronti dei lavoratori non c’era mai stato”, ha detto Di Cola. “Dopo due anni e mezzo che sottoscriviamo accordi con questa amministrazione, ci troviamo di fronte alla liquidazione della società Roma Metropolitane e la mia domanda è questa: ‘Se non si onora la firma di accordi come ci possono chiedere di fidarci ancora?'”, ha affermato Civica. Il quale ha spiegato che tale mobilitazione è diventata in parte anche “politica” dopo che il primo di ottobre “hanno chiesto l’intervento della forza pubblica al presidio di Roma Metropolitane”. Raggi: “Sciopero senza motivo, i sindacati lo revochino” “Continuo a invitare i sindacati a revocare questo sciopero che dal nostro punto di vista non ha motivazioni. In Roma Metropolitane c’è la garanzia dei livelli occupazionali, c’e’ l’intenzione di mantenere la società in mano pubblica”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine di un incontro al Mit, tornando a chiedere ai sindacati di revocare lo sciopero generale delle partecipate previsto per venerdì 25 ottobre. “Lo abbiamo dimostrato con Atac – ha aggiunto – che tutti volevano far fallire. Noi l’abbiamo mantenuta pubblica, sta assumendo nuovo personale, sta portando autobus nuovi a Roma, quindi l’intenzione è chiara. Quando diciamo una cosa la facciamo”. La prima volta dei consumatori “Per la prima volta anche i consumatori parteciperanno allo sciopero generale” indetto a Roma dai sindacati per domani, 25 ottobre. Lo fa notare il Codacons che ha deciso di aderire formalmente alla protesta dei lavoratori “contro lo stato disastroso della città e per chiedere il commissariamento urgente del sindaco Virginia Raggi”. “Per la prima volta cittadini e lavoratori saranno dalla stessa parte in occasione dello sciopero, e gli utenti romani daranno il proprio contributo per bloccare la città – spiega il presidente Carlo Rienzi – La situazione della capitale è talmente devastante, con i servizi pubblici in costante peggioramento, l’insoddisfazione dei cittadini dilagante e il caos delle società partecipate, che non esiste altra soluzione se non il commissariamento dell’amministrazione”. “I cittadini romani sono le prime vittime del degrado e del costante peggioramento dei servizi pubblici e, per tale motivo, non possono che appoggiare e sostenere lo sciopero. Proprio in tale data il Codacons scenderà in piazza assieme ai sindacati, in rappresentanza degli utenti della capitale”, conclude Rienzi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox