18 Novembre 2020

ROMA: PREFETTO E ASL RIFIUTANO DI SOSPENDERE CONCORSO PER PSICOLOGI DEL 19 E 20 NOVEMBRE

     

    PREFETTURA RISPONDE A ISTANZA DELL’ASSOCIAZIONE: NON SUSSISTONO ELEMENTI DI RISCHIO SUL FRONTE COVID

    PER CODACONS DECISIONE CHE CREA PERICOLI E DANNEGGIA CHI RINUNCERA’ ALLE PROVE

    Per il Prefetto di Roma non vi sono elementi di rischio che giustifichino la sospensione del concorso pubblico per la selezione di 33 posti di dirigente psicologo, che si terrà domani e il 20 novembre all’Hotel Ergife di Roma.
    Lo comunica la stessa Prefettura, rispondendo ad una istanza presentata nei giorni scorsi dal Codacons in cui si chiedeva il rinvio delle prove in virtù della forte crescita dei contagi da Covid registrata in Italia nelle ultime settimane e dei rischi per i candidati.
    Nella sua comunicazione il Prefetto informa che “La Asl Rm 2, in qualità di amministrazione che ha bandito la procedura concorsuale, ha riferito di aver adottato tutte le misure contemplate, in relazione all’attuale situazione sanitaria, dalla normativa nazionale e regionale, comunicando altresì che il Dipartimento di prevenzione dell’Asl Rm 1, territorialmente competente in ragione della sede del concorso, ha effettuato specifico sopralluogo valutando gli ambienti esterni e quelli interni all’Hotel Ergife conformi e adeguati a garantire le misure di prevenzione del contagio da Covid-19”.
    “Nella sua decisione la Prefettura non ha però tenuto conto del fatto che migliaia di cittadini, pur avendo i requisiti per partecipare al concorso, rinunceranno alle prove per paura di contagi o perché attualmente in condizione di isolamento – spiega il presidente Carlo Rienzi – In due giorni 4.000 candidati provenienti da tutta Italia si assembreranno nelle sale dell’Ergife, con evidenti pericoli sul fronte sanitario, e il rischio di nuovi focolai di coronavirus di cui Roma avrebbe fatto volentieri a meno”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox