17 Settembre 2019

Roma: che fine hanno fatto i soldi per le buche?

aperta un’ inchiesta della procura, per verificare se i proventi delle multe sono stati dirottati su altre spese.
ESPOSTO DEL CODACONS – Le buche sulle strade rappresentano un pericolo concreto sia per gli automobilisti, che possono vedere danneggiata la loro vettura, che per i motociclisti, soggetti a cadute potenzialmente mortali. A Roma questo è ormai un problema cronico, che si trascina da anni, e la situazione non sembra sia migliorata nel corso dell’ amministrazione Raggi. Negli ultimi giorni è scoppiato l’ ennesimo scandalo provocato da un esposto presentato dal Codacons, che ha portato all’ apertura di un’ inchiesta della Procura di Roma, con le indagini che sono state affidate alla Guardia di Finanza.L’ INDAGINE DELLA GDF – Secondo le evidenze raccolte dal Codacons, infatti, i soldi delle multe ai romani, che secondo quanto previsto dall’ attuale Codice della Strada, dovrebbero essere usati in prevalenza per mettere in sicurezza ed effettuare la manutenzione delle strade della capitale, sono invece finiti per finanziare altre voci di spesa come arredi per uffici, cancelleria per la polizia locale, musei e generi alimentari. Attualmente si indaga per falso, con il sospetto che i fondi per la lotta alla piaga delle buche vengano investiti in altre voci di spesa, ma il quadro accusatorio potrebbe cambiare. Nel fascicolo di inchiesta si parla inoltre di impropria manutenzione del manto stradale, con interventi di scarsa qualità (e verifiche con controllori compiacenti), e di lavori che pur essendo stati previsti dalle voci di spesa, non sono mai stati effettivamente realizzati.CRESCONO I PROVENTI – La situazione delle strade romane continua quindi ad essere preoccupante, il tutto a fronte di un bilancio derivante dai soldi incassati con le multe che ogni anno si fa sempre più corposo: secondo quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero, nei primi sei mesi dell’ anno, gli agenti della Municipale hanno registrato 1 milione e 100mila infrazioni (il 10% in più rispetto allo stesso periodo del 2018) ed i verbali per la sosta selvaggia sono cresciuti del 40%, passando dalle 286.287 multe dell’ anno scorso agli attuali 401.407.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox