29 Aprile 2016

ROMA: ALLARME TRUFFE. CON GIUBILEO AUMENTATE DEL +20%

    ROMA: ALLARME TRUFFE. CON GIUBILEO AUMENTATE DEL +20%

    CRESCONO BORSEGGI, RAPINE E RAGGIRI. CONTROLLI INADEGUATI, SERVE MAGGIORE VIGILANZA E ISPEZIONI NEI PUBBLICI ESERCIZI

    Con il Giubileo sono cresciute nella capitale le truffe e i raggiri a danno di turisti e cittadini, così come scippi, borseggi e rapine. Lo afferma il Codacons, che segnala un preoccupante aumento delle segnalazioni da parte degli utenti ricevute attraverso l’apposito servizio “Lo sportello del pellegrino” avviato dall’associazione.
    “Da dicembre ad oggi abbiamo ricevuto circa il 20% di segnalazioni in più da parte dei cittadini rispetto allo stesso periodo dello scorso anno – spiega il Presidente Carlo Rienzi, candidato a sindaco di Roma – In particolare sono cresciute le denunce relative a comportamenti scorretti presso locali pubblici ed esercizi commerciali, e i borseggi nelle metro e sugli autobus. Anche i furti in prossimità di siti storici e luoghi di culto hanno registrato un sensibile incremento. Vittime predilette di delinquenti ed esercenti scorretti sono in particolare i turisti stranieri, di cui però solo una parte denuncia i raggiri subiti”.
    “Al vertice delle segnalazioni ricevute dagli utenti troviamo comportamenti scorretti presso negozi, bar e ristoranti, da prezzi che lievitano senza spiegazione a voci anomale inserite nei conti, arrivando agli “acchiappaclienti” molesti e alla scarsa igiene nei locali – prosegue Rienzi – Seguono problemi con le strutture ricettive, in particolare stanze fatiscenti e camere non corrispondenti alle promesse e alle foto pubblicate sul web. Al terzo posto della classifica delle segnalazioni giunte al Codacons, troviamo i borseggi sotto la metro, nei bus e in prossimità di luoghi di culto e monumenti, in aumento del +12% rispetto allo scorso anno”.
    “E’ evidente che il Giubileo, portando milioni di fedeli a Roma, ha determinato una crescita delle occasioni di furti e raggiri – aggiunge il candidato sindaco Rienzi – E’ altrettanto evidente che ciò avviene perché i controlli sono inadeguati: per questo chiediamo di incrementare la vigilanza attraverso agenti in borghese non solo sui mezzi pubblici e presso i monumenti, ma anche attraverso verifiche “civetta” presso i pubblici esercizi”.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox