25 Settembre 2017

Rolling Stones, ora alza la voce il pubblico

il codacons all’ attacco e annuncia un esposto in procura: «la location del concerto inadeguata»
Il Codacons «sta ricevendo in queste ore le proteste di molti spettatori che sabato sera hanno assistito al concerto dei Rolling Stones a Lucca e che denunciano carenze sul fronte dell’ organizzazione e disagi di vario tipo. Anche sui social network e sui siti di musica si stanno moltiplicando le proteste di chi, pur avendo pagato un regolare biglietto, non ha potuto godere pienamente del concerto», spiega l’ associazione in una nota, annunciando per oggi un esposto in procura. «In particolare», sottolinea il Codacons, «gli utenti denunciano la totale inadeguatezza della location, che ha reso non visibile per molti il palco, ma anche l’ insufficienza di bagni chimici, lo spazio ristretto per gli spettatori, la presenza di persone arrampicate su alberi e lampioni con ripercussioni sul fronte della sicurezza, code chilometriche e acustica non all’ altezza dell’ evento». «Migliaia di recensioni negative che si stanno moltiplicando sul web, e che portano ora il Codacons a rivolgersi alla procura di Lucca, con un esposto che sarà presentato oggi in cui si chiede di aprire un’ indagine sull’ organizzazione del concerto, per verificare il pieno rispetto dei diritti degli utenti che hanno pagato un regolare biglietto a fronte di un servizio per molti deludente». Molto arrabbiato anche Piero Pelù che ha assistito al concerto della band inglese in terra toscana. «Quando suonano bene sono bravi, quando invece non si impegnano sono veramente terribili», il leader dei Litfiba non usa mezzi termini per commentare il concerto dei Rolling Stones. «Come sono stati? In entrambi i modi: la prima parte un “cesso”, la seconda un paradiso», ha proseguito senza mezze parole il rocker fiorentino, presente all’ autodromo del Mugello per il raduno di motorini d’ epoca Mosquito’ s Way». Decisamente più positivo, invece, è stato il giudizio di dj Ringo, direttore artistico di Virgin Radio e compagno di Pelù nell’ avventura dei Mosquitos al Mugello. Anche Ringo era a Lucca tra il pubblico. «Ho coronato un sogno vedendo il marchio della mia radio sui manifesti dei Rolling Stones», ha spiegato Ringo. «Mi ha impressionato Charlie Watts che ha 77 anni, poi Mick Jagger 74, insomma dei 70enni da cui prendere esempio nonostante la vita che hanno fatto. E poi Lucca mi ha fatto letteralmente impazzire: la gente era appesa ai palazzi e ai balconi per guardare il concerto gratis, fantastici».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox