14 Maggio 2007

ROCCARASO: LO SCO DELL’AQUILA CON VELINE DI VECCHIE SENTENZE TENTA DI INGANNARE IL TG3 E I GIORNALI E CI RIESCE!!

    ROCCARASO: LO SCO DELL’AQUILA CON VELINE DI VECCHIE SENTENZE TENTA DI INGANNARE IL TG3 E I GIORNALI … E CI RIESCE!! 

     

    IL CODACONS CHIEDE AL MINISTRO MASTELLA, AL CSM E AL MINISTRO AMATO LA SOSPENSIONE DAL SERVIZIO DEL PM LEACCHE DI SULMONA E DELL’ISPETTORE MASSIMILIANO MANCINI DELLO SCO DELLA QUESTURA DELL’AQUILA

     

    Un grave infortunio per il Centro ed il Messaggero di Abruzzo e per il TG3 regionale, quello di ieri e l’altro ieri, quando, passando una velina evidentemente proveniente dallo SCO dell’Aquila, hanno dato notizia di una sentenza di mesi fa un po’ vecchiotta e superata facendo credere (specie il Centro) che lo SCO abbia operato legittimamente nell’inchiesta contro il povero Sindaco di Roccaraso Camillo Valentini, al punto che la Cassazione avrebbe sancito la legittimità del loro operato con la decisione. Orbene, i poco attenti giornalisti – e ci meravigliamo soprattutto della redazione del TG regionale il cui comportamento sommario e contrario al codice deontologico dei giornalisti (avrebbero doverosamente dovuto interpellare anche i familiari di Valentini e l’avv. Rienzi) sarà domani sottoposto alla Commissione parlamentare di vigilanza – hanno omesso di informare che il ricorso in Cassazione dell’avv. Rienzi riguardava tutt’altra faccenda. Infatti, il ricorso era stato proposto solo per eccepire l’incompatibilità del GIP dell’Aquila Giansaverio Cappa a giudicare sulla richiesta di archiviazione a lui presentata dal PM aquilano nell’inchiesta sui due funzionari dello SCO Ciammaichella e Mancini. Ossia nel ricorso si sosteneva che essendo l’ipotesi a carico dei due ispettori quella di abuso di atti per avere operato senza informare i giudici della grave incompatibilità del Mancini, nemico del Sindaco per le numerose vertenze di sfratto in corso tra la di lui mamma Bucci Onelia e il Comune e la famiglia Valentini, il GIP Cappa era sostanzialmente anche lui parte offesa delle condotte dei due, avendo negli anni 2001-03 adottato provvedimenti vari in quel processo proprio su richiesta del MANCINI di cui ignorava lo stato di incompatibilità con l’inchiesta; egli quindi – si sosteneva nel ricorso – avrebbe dovuto trasferire il processo, come prevede l’art. 11 del cpp, ad altra sede essendo interessato come possibile parte civile rispetto a comportamenti reato ai danni della magistratura aquilana. Orbene, la Cassazione – con la sentenza di cui hanno tentato di fare strumento i due ispettori – si è limitata a sancire l’inammissibilità del ricorso dell’avv. Rienzi poiché i ricorsi contro le decisioni dei GIP sono possibili solo per macroscopica illegalità laddove la posizione di parte danneggiata della Magistratura aquilana non appariva evidente. Ma la stampa era ben informata – e doveva darne notizia – che la decisione era ed è del tutto irrilevante per stabilire se Mancini avesse operato correttamente o meno nel processo a carico del Sindaco Valentini, essendo nel frattempo intervenuta la richiesta di rinvio a giudizio dell’Ispettore da parte del Procuratore della Repubblica di Campobasso Mario Mercone che lo ha incriminato per abuso di atti di ufficio, insieme al PM Maria Teresa Leacche, e proprio per avere operato in quel processo abusivamente e nonostante una chiara incompatibilità con accanimento abusivo contro il povero Sindaco deceduto in carcere. In proposito il CODACONS informa che oggi è stata richiesta la sospensione dal servizio del Mancini e della Leacche ai Ministri competenti a causa della loro incriminazione a Campobasso.

    Il presente comunicato vale come diffida a rettificare la notizia diffusa il 12 maggio dal TG3 Abruzzo e il 13 maggio dal Centro e dal Messaggero, ai sensi della legge sulla stampa.

    Il Codacons prende atto che il tg 3 abruzzo ha rettificato nell’edizione del 14/5/2007 delle ore 19:30 dando notizia della precisazione dell’associazione in merito alla sentenza della Cassazione.

     

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox