fbpx
2 Settembre 2001

RISPARMIO, NEL MIRINO CONSOB FINISCE IL CREDIT SUISSE


ROMA. La Consob ha avviato un «accertamento di vigilanza sul comportamento tenuto dal Credit Suisse, Credit Suisse Asset Management Sim e il promotore finanziario G.G. della dipendenza romana del colosso svizzero in seguito all`esposto presentato dal CODACONS nel quale si denunciavano «comportamenti dannosi per i risparmiatori». Ad annunciarlo è la stessa associazione dei consumatori che ha chiesto alla Credit Suisse, alla Consob e all`Abi la sospensione cautelare di un promotore finanziario per «gestione infedele». Nell`esposto si lamentava che la Banca aveva autorizzato il trasferimento del patrimonio, da essa gestito, di un ente associativo sui conti privati di persone fisiche che dicevano di essere gli amministratori dell`ente stesso. In particolare si contestavano le modalità con cui un promotore finanziario romano della banca aveva gestito l`operazione. Ma la battaglia del CODACONS a difesa dei piccoli risparmiatori continua ed è già pronto un disegno di legge che vincoli i compensi dei promotori ai guadagni dei risparmiatori. Nel frattempo, prima cioè che questa proposta diventi realtà, l`associazione dei consumatori ha deciso di diffondere un vademecum con le precauzioni da seguire «quando ci si avventura in investimenti in Borsa».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox