2 Maggio 2019

RISIEDI O LAVORI IN VIA TIBURTINA? CHIEDI IL RISARCIMENTO DEL DANNO SUBITO PER I LAVORI ULTRADECENNALI MAI FINITI

Il Codacons ha presentato un esposto affinché la Procura di Roma indaghi sulla mancata conclusione dei lavori, ormai decennali, su Via Tiburtina, nel tratto compreso tra Rebibbia e Settecamini. L’Associazione mette a disposizione di tutti i cittadini che vivono, lavorano o gestiscono un’attività nella zona coinvolta dai lavori la nomina individuale di persona offesa.

I FATTI

La situazione di caos e degrado in cui versa Via Tiburtina a causa dei cantieri aperti per lavori mai conclusi si protrae ormai da 10 anni: i primi lavori per la realizzazione di una corsia aggiuntiva risalgono, infatti, al 2008. A questi lavori si sono poi aggiunti gli interventi per la manutenzione della rete fognaria avviati dal 2012.

Ad oggi non si comprende come mai nessuna delle due tipologie di lavori sia stata portata a compimento a distanza di diversi anni.

La situazione attuale vede, quindi, una moltitudine di cantieri aperti delimitati da imponenti new jersey che restringono la carreggiata. Il traffico risulta quotidianamente congestionato con ingenti danni a carico di tutti i residenti e di tutti coloro che gestiscono un’attività commerciale e lavorano nella zona interessata dai lavori mai completati.

Lo stato in cui versa Via Tiburtina è ormai divenuto intollerabile per tutti coloro che ci vivono e vi transitano che sono costretti, ormai da ben dieci anni, a dover subire i continui disagi a causa dell’inerzia della Pubblica Amministrazione nella gestione dei lavori avviati ed ancora in corso.

Per segnale questa ultradecennale e non più tollerabile situazione di disagio per i cittadini a causa della mala gestio da parte dell’Amministrazione, il Codacons, nell’interesse di tutti i soggetti coinvolti, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma affinché apra un’indagine e verifichi l’eventuale configurarsi di responsabilità penali in capo a Roma Capitale per la disastrosa situazione, in particolare sotto il profilo dell’omissione di atti d’ufficio, danneggiamento e violenza privata.

L’INIZIATIVA CODACONS

L’Associazione, per tutelare tutti coloro che sono danneggiati da questa intollerabile situazione, mette a disposizione la nomina di persona offesa da inviare alla Procura della Repubblica di Roma. È il primo atto che permette di segnalare la propria posizione agli inquirenti.

In caso di rinvio a giudizio si potrà, successivamente, effettuare la costituzione di parte civile allo scopo di ottenere il risarcimento dei danni subiti in relazione a tutto il periodo di dieci anni in cui si sono protratti i lavori.

PER ADERIRE

Se sei residente o svolgi la tua attività su Via Tiburtina nel tratto compreso tra Rebibbia e Settecamini o nelle zone limitrofe e vuoi agire per tutelare i tuoi diritti e scaricare  la nomina di persona offesa, clicca qui.

L’iscrizione avviene tramite l’invio di un sms al numero 4852852 con il testo 203 CODACONS 2018 al costo onnicomprensivo di € 2,03.

– alla campagna sociale in favore dell’Associazione Mary Poppins www.assomarypoppins.it che si occupa dei bambini ricoverati nel reparto di oncologia del Policlinico Umberto I di Roma;

– all’Istituto Internazionale di Scienze Mediche Antropologiche e Sociali I.I.S.M.A.S.www.iismas.it attivo nel campo della ricerca medica a favore delle popolazioni più povere dell’Africa, dell’America Latina e del Sud-Est asiatico.

È possibile ottenere ulteriori informazioni riguardo l’iniziativa contattando il numero unico Codacons 892.007 (qui i costi): gli operatori dell’associazione forniranno ogni elemento utile per approfondire la vicenda legale e forniranno la loro consulenza ai cittadini interessati.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox