11 Giugno 2005

Rischio-stangata per energia elettrica e gas


Roma Gli italiani rischiano una nuova stangata sulle bollette della luce e del gas: un rincaro, secondo Ricerche Industriali Energetiche (Rie), fino al 3\% sull`elettricità e del 4\% sul metano che potrebbe scattare dal primo luglio per l`impennata del greggio. Con un impatto per ogni famiglia che dovrebbe essere di oltre 40 euro di rincaro all`anno. Ma la stangata potrebbe essere attenuata: il Governo starebbe infatti studiando un meccanismo di “contenimento“. Non un vero e proprio intervento blocca-tariffe ma misure – spiegano – per smorzare l`impatto.Sulla base dell`andamento delle quotazioni petrolifere, che negli ultimi mesi hanno continuato a salire, le tariffe elettriche e del gas dal primo luglio, con il prossimo aggiornamento trimestrale – spiega Davide Tabarelli, esperto del Rie – dovrebbero registrare un “forte rincaro“. Un rialzo che nel caso dell`elettricità potrebbe aggirarsi in un 2-3\% con un impatto sulle bollette di una famiglia tipo (3kw di potenza impegnata e 225 kwh di consumi mensili) si tradurrebbero in un aumento di quasi 2 euro a bimestre, con un impatto di 10 euro sul conto annuale per la luce. Nel caso del gas, invece, il possibile incremento del 4\% potrebbe costare alla stessa famiglia tipo (1.400 metri cubi consumati in un anno) oltre 30 euro su base annua. Con un impatto complessivo sul bilancio famigliare – tra luce e gas – che supererebbe quota 40 euro l`anno. La decisione resta comunque All`Authority per l`Energia che – ricorda il Rie – entro fine giugno dovrà comunicare l`aggiornamento per il prossimo trimestre. E vedere se tra le altre voci che compongono la tariffa, oltre a quella legata ai combustibili, ci siano spazi per ammortizzare i rincari“. E in questa direzione qualcosa si starebbe infatti muovendo.Fonti governative lasciano intendere possibili `contro-mosse` per attenuare l`impatto. Non si tratterebbe di un “congelamento“, come avvenne nell`agosto del 2002 quando furono bloccate le tariffe per due bimestri per contenerne l`impatto sull`inflazione. Si starebbe, invece, studiando la possibilità di rimodulare, spalmandole nel tempo, alcune componenti che gravano sulle tariffe elettriche. Un pressante invito al Governo perché intervenga per fermare la stangata, arriva dal Codacons, al contrario l`associazione consumatori “metterà in atto ogni iniziativa utile per evitare stangate a danno delle famiglie, comprese campagne di autoriduzione dei consumi di luce e gas“.


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox