fbpx
28 Novembre 2019

Rischio idrogeologico, Codacons denuncia la Regione

Codacons ha presentato una denuncia penale alla Procura della Repubblica di Perugia contro la Regione Umbria, chiamando in causa il “Piano nazionale 2019 per la mitigazione del rischio idrogeologico”. Il Piano in questione, noto anche come Piano ProteggItalia, è stato adottato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 20 febbraio 2019, e approvato sia dal Cipe con la Delibera n. 35 del 24 luglio 2019, sia dalla Corte dei Conti lo scorso settembre, spiega il Codacons. Il provvedimento individua un elenco di progetti e interventi infrastrutturali immediatamente eseguibili in tutta Italia sul fronte della messa in sicurezza del territorio, “aventi carattere di ur genza e indifferibilite, e per quanto riguarda l’ Umbria mette da subito a disposizione della Regione 7,5 milioni di euro per finanziare 3 interventi urgenti volti a contrastare frane e alluvioni. Nel mirino ci sono 3.950.000 euro per la sistemazione idraulica del tratto del Pagli tra Caste Viscardo e Allerona e 148.681 euro per il torrente Seaono tra Calzolaro e Bosco, nei Comuni di Umbertide e Perugia. “Vogliamo sapere se la Regione ha speso tali soldi messi a disposizione dallo Stato e come sono stati utilizzati i fondi” afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi. “Gli stanziamenti sono infatti immediatamente utilizzabili dalle amministrazioni, e dovevano essere usati proprio per mettere in sicurezza le aree a rischio”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox