8 Febbraio 2021

Rincaro benzina, protesta delle associazioni: stangata per i consumatori

 

Con la ripresa della quotazioni dei prodotti petroliferi – oggi il Brent è tornato sopra i 60 dollari al barile – proseguono i rincari dei prezzi consigliati e i prezzi praticati alla pompa. In base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self è salito a 1,494 euro al litro (rispetto a 1,486 rilevato venerdì) mentre il prezzo medio praticato del diesel, sempre in modalità self, è salito 1,367 euro al litro (contro 1,358 di venerdì).

Per quel che riguarda il servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,636 euro al litro (1,629 venerdì), mentre la media del diesel è di 1,514 euro al (venerdì 1,507). Pronta è stata la protesta delle associazioni dei consumatori.

“La corsa ininterrotta dei listini dei carburanti produce una vera e propria stangata per le tasche dei consumatori, portando il pieno di benzina a costare oggi 6,5 euro in più rispetto a maggio 2020, quando i prezzi alla pompa toccarono i livelli più bassi dell’anno (1,365 euro al litro le verde, 1,255 euro/litro il diesel)”, ha denunciato il Codacons.

“Oggi un litro di benzina costa alla pompa il 9,4% in più rispetto allo scorso maggio, mentre per il gasolio si spende l’8,9% in più – ha spiegato il presidente Carlo Rienzi – L’impennata dei prezzi presso i distributori ha effetti a cascata sulle tasche dei consumatori, perché determina maggiori esborsi sia per i rifornimenti di carburante sia per gli effetti indiretti sui prezzi dei prodotti trasportati e sul comparto energetico”. “Il rischio concreto, quindi, è che l’andamento al rialzo dei prezzi di benzina e gasolio produrrà nelle prossime settimane rincari generalizzati per ortofrutta e alimentari, beni che, come noto, viaggiano su gomma, e avrà ricadute negative su tutto il comparto dell’energia, con inevitabili aggravi di spesa per i consumatori”, ha concluso Rienzi.

Si dice preoccupato del “boom dei carburanti” anche Uecoop, l’Unione europea delle cooperative, che sottolinea come in Italia rispetto alla Germania fa segnare un +8% di spesa al litro su benzina e diesel a febbraio 2021. “Con l’Italia che è nella top ten europea e mondiale per il costo più alto di benzina e diesel il caro carburanti ha pesanti ripercussioni sui bilanci di imprese e famiglie e rappresenta un freno alle possibilità di rilancio del Paese già piegato dall’emergenza Covid”, ha spiegato in una nota Uecoop.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox