25 Luglio 2011

Rincari Atm, la rivolta dei viaggiatori

Il Codacons annuncia ricorsi. E l’opposizione vuole organizzare il No TaxDay
 

Raffica di rincari e balzelli per i milanesi. Tra l’ aumento del biglietto Atm, l’ addizionale Irpef, tassa di soggiorno e altro ancora, da settembre le tasche saranno più leggere. Ma è soprattutto contro il salasso dei trasporti che associazioni di consumatori e viaggiatori puntano il dito perché fra aumenti di tariffe urbane ed extraurbane chi viaggia con i mezzi pubblici si ritroverà a fare i conti con pesanti esborsi. Dal 1° settembre infatti scatta la nuova tariffa per bus, tram e metropolitane Atm, sancita venerdì dalla Giunta, che per l’ area urbana passerà da 1 a 1,50 euro: un aumento del 50%. Resterà invariato il prezzo dell’ abbonamento annuale e saranno introdotte facilitazioni per giovani e anziani. Per le tratte extraurbane, invece, la situazione è più complessa. Il primo ritocco dei prezzi dei biglietti scatterà dal 1° agosto, nella misura del 10%, ma con l’ aumento del tagliando urbano previsto da settembre dovranno essere ulteriormente adeguati. In settimana la Provincia deciderà se accorpare i ritocchi in un’ unica tranche, ma il presidente Guido Podestà chiede che Palazzo Marino usi parte dei soldi che incasserà per realizzare prolungamenti fuori città delle metropolitane: «Ricordo che abbiamo aspettato otto anni, certamente troppi, per inaugurare con Letizia Moratti la nuova tratta della verde da Famagosta ad Assago». E il Codacons è sulle barricate e annuncia ricorsi, parlando chiaramente di decisione «inaccettabile ed incompatibile con la battaglia all’ inquinamento». La maggioranza difende la manovra del sindaco Giuliano Pisapia, che prevede anche l’ introduzione dell’ addizionale Irpef dello 0.2% per i redditi superiori ai 26.000 euro lordi annui e la tassa di soggiorno di 5 euro al giorno dal 2012 per gli hotel di lusso. «Colpa della precedente amministrazione, abbiamo ereditato un buco nel bilancio», giustifica Carmela Rozza, capogruppo Pd. Ma l’ opposizione ha annunciato ostruzionismo in aula e l’ ex vicesindaco Riccardo De Corato propone una giornata di protesta con il No Tax Day.
 
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox