4 Aprile 2016

Rimborsopoli al Pirellone: Regione Lombardia è parte civile

Rimborsopoli al Pirellone: Regione Lombardia è parte civile
citati 1.800 testimoni. decisione il 19 aprile

Milano, 4 apr. (askanews) – La Regione Lombardia è la sola parte civile nel processo a carico di 56 consiglieri regionale del Pirellone (molti ex ma anche alcuni attualmente in carica) imputati per le cosiddette “spese pazze” che sarebbero state rimborsate con fondi regionali anche se del tutto estranee al loro mandato politico. I giudici della decima sezione penale del Tribunale di Milano hanno ammesso come parte civile l’ amministrazione regionale escludendo Codacons e le altre associazioni che ne avevano fatto richiesta. Secondo il pm Paolo Filippini, ammonterebbe a circa 3 milioni di euro il danno provocato alle casse del Pirellone dalle “spese pazze” dei consiglieri regionali. Alcuni di loro hanno già provveduto rimborsare volontariamente i danni. Nei confronti di tutti gli altri, l’ amministrazione regionale si è costituita parte civile per poter chiedere un risarcimento in caso di condanna degli imputati. Resta da sciogliere il nodo sui testimoni: quelli citati fino a questo momento dagli avvocati delle difese hanno toccato la cifra record di 1.800. Molti sono “doppioni”, diversi consiglieri hanno chiesto la deposizione in aula delle stesse persone. La decisione sull’ ammissione dei testi e altre prove è prevista per il 19 aprile.
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox