17 Giugno 2008

“Rimborsateci il biglietto“, richieste di chi si è visto soffiare il posto

Scongiurata la sera del concerto, una pioggia questa volta non di acqua, ma di vibranti proteste è scesa ieri sull`evento di Bob Dylan. Al giornale sono arrivate lettere di spettatori che stavano nella platea numerata, invasa da spettatori dei posti in piedi che hanno ostacolato la loro visione: molti richiedono il rimborso parziale del biglietto e minacciano di rivolgersi alle associazioni di tutela dei consumatori. Intanto gli organizzatori stanno raccogliendo i nominativi degli scontenti. E` un coro all`unisono di richieste di rimborso e di considerazioni negative sull`organizzazione stessa, quello delle lettere arrivate al nostro giornale unito ad altre voci sul concerto di Bob Dylan: “L`organizzazione ha propsto un tipo di servizio e non lo ha fornito – tuona Marco Antonucci, titolare del Bar Fiorentina – io insieme ad altri sei amici abbiamo preso i biglietti nuemerati tre mesi fa, per poi assistere a un concerto seduti, ma con davanti un muro di persone. Chiedere la differenza di prezzo è ormai una questione di principio, e se serve ci rivolgeremo a una associazione di tutela come il Codacons“. “Durante il concerto – prosegue – ho assistito a scene assurde: un signore ha gettato birra in faccia a un ragazzo che non voleva sedersi, mentre i miei baristi, che sono studenti universitari, hanno visto un loro docente lanciare fogli di giornale accartocciati per invitare la gente a sedersi. Insomma, uno dei cantanti più grandi del mondo con una organizzazione di serie C“. Il tenore Carmelo Serafin sentenzia: “una grande sola: se volevano un happening, allora dovevano mettere i biglietti a 10 euro, con trattamento uguale per tutti“. Quanto ai disobbedienti che hanno invaso il campo riservato “era normale che ci fossero perché Dylan è simbolo di libertà e di uguaglianza, quindi a un suo concerto non puoi fare i posti dei ricchi e quelli per i poveri come nella platea del festival di Sanremo“. E dal suo posto in platea “ho ascoltato il concerto a occhi chiusi, per non vedere i sederi delle persone in piedi. E` giusto che la gente chieda i rimborsi, anche per i rischi che si sono corsi: verso metà concerto, quando si è scatenata la rissa con i poliziotti e carabinieri, temevo la battaglia e volevo scappare“. Francesco Zambon, docente di Filologia romanza all`Università di Trento “non era un concerto alla Scala o alla Fenice, ma all`aperto, su un prato, quindi credo ci sia stato un errore di partenza nel separare una specie di platea dai posti in piedi“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox