5 Novembre 2020

Rifiuti: i rilievi Anac sul caso Roma, pesa la scarsa programmazione

 

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Roma, 05 nov – ‘Fragilita’ impiantistica’ aggravata da una carente programmazione. Sono queste le motivazioni alla base del caso-rifiuti a Roma, secondo l’Autorita’ Anticorruzione. Come riportato dal quotidiano digitale Enti locali & Edilizia del Sole 24 Ore, con la delibera n. 888 depositata il 28 ottobre l’Anac ha risposto all’esposto formulato dal Codacons sul carenze del sistema di raccolta della spazzatura nella capitale, culminato con frequenti crisi del servizio negli ultimi anni. Nell’attribuire le responsabilita’ l’Autorita’ pero’ non chiama in causa soltanto il Comune. Anzi ricorda che le norme attribuiscono compiti di rilievo anche alla Regione, per cui ‘e’ configurabile una competenza congiunta tra Regione e Comune nell’attivita’ di gestione dei rifiuti’.

Ricostruendo le vicende segnalate dal Codacons e finite sulle pagine di tutti i giornali tra il 2018 e il 2019, con difficolta’ a trovare soluzioni di lungo periodo di fronte alle frequenti crisi del servizio, l’Anac segnala che ‘le criticita’ riscontrate nella gestione del servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti nel territorio di Roma Capitale devono ritenersi presumibilmente connesse ad una carente attivita’ di programmazione a monte del servizio stesso, relativamente alle infrastrutture deputate al trattamento dei rifiuti’.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox