22 Luglio 2019

RIFIUTI, CODACONS: RENDERE PERMANENTE ORDINANZA REGIONE LAZIO

 

SINDACO RAGGI ATTACCA I ROMANI MA COMUNE E’ RESPONSABILE DEL MANCATO CONTROLLO SUGLI “ZOZZONI”

E IL CAPO DEI VIGILI URBANI DI ROMA RITIENE “IRRICEVIBILI” LE SEGNALAZIONI DEI CITTADINI SUI RIFIUTI

Rendere permanente l’ordinanza della Regione Lazio per combattere le criticità sul fronte dei rifiuti nella capitale. A chiederlo il Codacons, dopo le ultime dichiarazioni del sindaco Virginia Raggi.
“La Raggi afferma che la città sta tornando alla normalità, ma se per normalità intende strade e marciapiedi perennemente sporchi, come era la situazione di Roma anche prima dell’emergenza, ciò non è accettabile – spiega il presidente Carlo Rienzi – Per tale motivo chiediamo che l’ordinanza della Regione Lazio sull’emergenza rifiuti resti in vigore in modo permanente, così da obbligare l’Ama a svolgere il proprio dovere e far fronte allo smaltimento della spazzatura in città”.
“Quanto poi ai romani “zozzoni” citati dalla Raggi, il sindaco ha ragione, ma omette di dire che il controllo su chi butta frigoriferi e materassi in strada o sui ristoranti che smaltiscono l’olio nei tombini spetta proprio al Comune che, attraverso i vigili urbani, deve vigilare e denunciare i trasgressori – prosegue Rienzi – Peccato che gli stessi vigili, quando ricevono le segnalazioni dei cittadini al riguardo, le rigettino come irricevibili”.
E’ il caso questo del comandante della Polizia Municipale di Roma, Antonio Di Maggio il quale, rispondendo alle segnalazioni del Codacons circa situazioni di criticità in merito ai rifiuti, ha scritto che “debbono essere considerate per la loro natura di semplici segnalazioni e per la genericità dei contenuti IRRICEVIBILI”; “Sin d’ora, si avvisa codesta Associazione, che diffide con contenuti stereotipi a quelle oggetto della presente saranno del pari a queste considerate irricevibili”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox