14 Gennaio 2007

Ricorso al Tar del Lazio contro il vino ai trucioli

I consumatori Ricorso al Tar del Lazio contro il vino ai trucioli

Città del Vino, Federconsumatori, Codacons, Adusbef, Adoc, Slow-food Italia, Coldiretti, Legambiente e alcuni produttori titolari del riconoscimento di denominazioni di origine controllata ricorrono al Tar del Lazio contro il vino ai trucioli. Le associazioni si sono rivolte ai giudici amministrativi per fermare l uso di segatura di legno per l invecchiamento artificiale dei vini Made in Italy dopo che il Decreto del ministero delle Politiche agricole, Alimentari e forestali del 2 novembre 2006 lo ha di fatto autorizzato per il 70% della produzione italiana, escludendo solamente i vini a denominazione di origine (Doc/Docg), che rappresentano meno di un terzo del mercato. Il ricorso si prefigge di tutelare le produzioni agroalimentari nazionali di qualità, che rappresentano un patrimonio irrinunciabile per il Bel Paese, ed i consumatori che verrebbero a trovarsi di fronte ad un prodotto artificiale, considerando anche i danni che i cosiddetti trucioli potrebbero comportare alla salute. L utilizzazione dei cosiddetti trucioli per invecchiare il vino, aggravata dalla mancanza di una informazione trasparente inganna i consumatori e danneggia i produttori che si impegnano nel mantenimento di tecniche tradizionali, quali la maturazione dei vini in botti di legno. Le nostre produzioni la devono scegliere la strada della qualità e della trasparenza senza cedere alle tentazioni di una concorrenza fondata sulla bassa qualità che non valorizza le potenzialità del territorio nazionale.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox