19 Marzo 2019

Ricorso al Tar del lazio contro il bando del Mef per le consulenze gratis

 

del ministero dell’ Economia, di ricercare attraverso un bando consulenti che lavorino gratuitamente, finisce al Tar del Lazio con un ricorso collettivo promosso da Codacons e dall’ associazione delle microimprese, Comitas. Secondo le due associazioni, l’ avviso pubblico del 27 febbraio scorso «è gravemente illegittimo in quanto in contrasto con la Costituzione per violazione degli artt. 4, 9 e 36, nonché in contrasto con i principi cardine della libera concorrenza e di tutela del consumatore e non rispettoso del decoro e del prestigio delle libere professioni intellettuali e viola il disposto dell’ art. 19 quaterdecies della legge n. 172/ 17 che ha esteso alla Pubblica amministrazione il principio di equo compenso e che, sebbene la legge professionale consenta a un avvocato di rendere prestazioni gratuitamente, ciò deve avvenire solo in casi eccezionali e non certo quale regola di accesso ad incarichi di consulenza specializzata» . «Non solo. Con tale bando continuano le due associazioni – si crea un precedente pericolosissimo, prevedendo che i professionisti che vogliono lavorare per gli uffici amministrativi debbano farlo gratuitamente e senza percepire compensi per la propria opera, con conseguenze negative anche per gli utenti, i quali riceveranno un servizio qualitativamente inferiore, essendo le prestazioni professionali rese a titolo gratuito. Per tale motivo Codacons e Comitas hanno deciso di lanciare un ricorso collettivo al Tar del Lazio al quale possono partecipare non solo i lavoratori interessati dal bando del Mef, ma tutti i professionisti d’ Italia allo scopo di bloccare l’ introduzione di un principio errato e pericoloso», conclude la nota.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox