21 marzo 2018

Richiesti 7,2 milioni ai Riva

Oggi alle 13 conferenza stampa del Codacons davanti la Corte d’ assise di Taranto per informare circa le nuove iniziative legali dell’ associazione sul caso Ilva. Nello specifico l’ associazione fornirà due nuove istanze che saranno presentate alla Corte, con cui le parti civili del processo e lo stesso Codacons chiedono ai giudici di disporre il sequestro conservativo presso la famiglia Riva di oltre 7,2 milioni di euro, nominando un custode per tali somme. «La richiesta di sequestro anticipa l’ associazione è finalizzata a garantire i cittadini di Taranto danneggiati dall’ inquinamento ambientale e finanziare approfondite indagini epidemiologiche sulla popolazione, con particolare riferimento ai residenti del quartiere Tamburi e alla popolazione più giovane». Nel corso della conferenza stampa il Codacons renderà pubblica anche la richiesta di sospensiva della vendita Ilva alla cordata indiana presentata al Consiglio di Stato, e una lettera all’ Antitrust Europeo in cui si chiede di far partecipare l’ associazione, in rappresentanza dei cittadini di Taranto, al procedimento aperto sulla vicenda Ilva. Intanto il Consiglio di Stato ha fissato al prossimo 28 marzo la discussione del ricorso straordinario presentato dal Codacons e dagli abitanti per la sospensione del Dpcm del 29 settembre 2017.