31 Luglio 2001

Ricchi con la lotteria…

Ricchi con la lotteria…

Né vengono precisate le modalità tramite le quali chi acquista il biglietto, una volta effettuata l?estrazione, dovrebbe venire a conoscenza delle sigle dei biglietti vincenti. Una nuova trovata dal sapore internazionale con la quale “spillare“ denaro. «I soggetti che si celano dietro queste offerte sanno bene dove “colpire“ – dice Carla Falcinelli, presidente del Codacons Umbria – visto che gli umbri sono un popolo di giocatori.
Considerando l?effetto moltiplicatore, dietro queste iniziative si cela un giro d?affari miliardario». Oltre alla potenziale “bufala“ c?è anche la questione della privacy da considerare: «Divulgare in questo modo i dati dei presunti vincitori è una palese violazione della legge sulla privacy». Aspetto comune all?altro “bidone“, inconsapevolmente, consegnato dai portalettere. Un plico con la vistosa scritta “pensioni pubbliche“ recapitato, tramite un contrassegno di 30 mila lire, ad anziani o persone vicine alla pensione. Persone che riescono a scoprire il contenuto della busta, in genere fotocopie di norme in materia pensionistica, solo dopo aver pagato l?importo. «Si tende a colpire le fasce più deboli – dice Carla Falcinelli – e per questo è un meccanismo ancora più subdolo. Considerando il dilagare degli episodi già segnalati, invitiamo ad usare la massima cautela. Soprattutto d?estate».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox