5 Maggio 2001

RETROMARCIA TELECOM SUL NUOVO 12

Piacevole sorpresa per chi contatta il 12, il servizio d?informazione abbonati della Telecom, l?ex monopolista di Stato della telefonia fissa. Infatti non è più attivo il nuovo servizio 12 annunciato circa due mesi fa con cui l?utente aveva la possibilità di scegliere tra il risponditore automatico o il trasferimento all?operatore con costi esorbitanti per un servizio di telefonia universale e quindi non più accessibile a tutti gli utenti. Il prezzo stabilito per il servizio meccanizzato di risposta all?utente era infatti di 400 lire più IVA (il costo reale per la Telecom è in realtà vicino allo 0, essendo un servizio meccanizzato). Per consultare l?operatore un consumatore avrebbe speso 1.200 lire + IVA, costo che sarebbe stato più elevato se il tempo di ricerca fosse stato più lungo.

Ebbene il Codacons sin dall?inizio aveva denunciato all?Autorità per le comunicazioni l?illegittimità delle modalità di erogazione del nuovo servizio diffidando l?Autorità e la Telecom ad adottare rispettivamente provvedimenti di sospensione.
L?Autorità, in seguito alla diffida del Codacons, aveva inviato una lettera alla Telecom con cui la invitava a ripristinare il vecchio servizio 12 , lettera che la Telecom ha impugnato dinanzi al TAR Lazio ove si è costituito chiedendone l?annullamemento ad adiuvandum dell?Autorità.

In seguito ad istruttoria in corso l?Autorità ha reiterato la richiesta di ripristino del precedente servizio 12 e la Telecom ha effettivamente ottemperato alla richiesta seppur riservandosi di fare valere le dovute azioni risarcitorie.

Così chi vuole utilizzare questo importante servizio d?informazione ? da sempre definito dal Codacons servizio universale e quindi da erogare a prezzi accessibili a tutti e trasparenti- può farlo tranquillamente senza temere una salata bolletta a fine mese.

La questione sarà comunque definitivamente decisa il 30 maggio dinanzi alla II sez.del TAR

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox