3 Marzo 2016

Renzi sogna a occhi aperti: prima la Salerno-Reggio Calabria, poi il Ponte sullo Stretto

Renzi sogna a occhi aperti: prima la Salerno-Reggio Calabria, poi il Ponte sullo Stretto
Il
premier: “Si farà dopo aver realizzato le opere incompiute”. Il
Codacons replica: “Spieghi agli italiani dove troverà 1,4 miliardi di
euro”

Il presidente del Consiglio torna a parlare di infrastrutture e di grandi opere sognando a occhi aperti sulla costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina. “Basta col derby tra chi dice sì e no. Il Ponte sullo Stretto ci sarà sicuramente. Prima però dobbiamo finire le opere incompiute. A quel punto si potrà parlare del ponte, che non potrà essere però solo per le macchine ma anche per i treni”. Matteo Renzi, intervistato a Isoradio,  sembra avere proprio le idee chiare. Il presidente del Consiglio ha inoltre aggiunto: “Sull’opera si è giocato un derby ideologico tra fautori e detrattori privo di aderenza alla realtà. Io dico: iniziamo a mettere a posto le strade in Sicilia perchè abbiamo avuto un crollo di viadotti al mese, per colpa dei lavori fatti coi piedi negli anni ’60 e ’70. In Sicilia vanno rimesse a posto le strade, le ferrovie. Se non riusciamo a unire Catania con Palermo di che parliamo? E questo vale anche per la Calabria che deve finire le opere incompiute”. Quanto al Ponte, “in prospettiva- dice Renzi – io non ho niente contro. Lo ritengo una cosa che potrà essere utile. Importante è capire i costi e la tempistica. E poi quando ci sarà il Ponte sullo Stretto dovrà essere anche per i treni. Dovrà essere un pezzo dell’alta velocità del paese”. Per quanto riguarda la Salerno-Reggio Calabria il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: “Il 10 marzo sarà in Calabria per l’abbattimento dell’ultimo diaframma della galleria sull’autostrada. Diciamo che a Pasqua gli automobilisti non staranno ancora tranquilli, ma a Natale sì”.

L’attacco del Codacons “Prima di parlare di progetti faraonici come il Ponte sullo Stretto, Renzi farebbe bene a dire ai cittadini dove troverà 1,4 miliardi di euro necessari per portare a termine le 868 opere incompiute esistenti in Italia”. Questa la posizione del Codacons, che sulle infrastrutture non portate a compimento ha redatto un apposito dossier, commentando le dichiarazioni di oggi del Premier a Isoradio. “Queste chiacchiere sono solo fumo negli occhi dei cittadini – afferma il presidente Carlo Rienzi – Facile dire a parole che si finiranno le opere rimaste incompiute, si aprirà la Salerno-Reggio Calabria e che sarà possibile realizzare il Ponte sullo Stretto, più difficile spiegare dove si reperiranno le risorse necessarie per realizzare tutti questi progetti. Ricordiamo che le 868 infrastrutture non portate a compimento censite dal Codacons hanno già prodotto un immenso spreco a carico dei cittadini pari a 4 miliardi di euro, e che per terminarle serviranno almeno altri 1,4 miliardi. Soldi che, ancora una volta, verranno presi attingendo direttamente alle tasche degli italiani”.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox