13 Settembre 2006

Regione, verso l`accordo contro lo smog

Regione, verso l`accordo contro lo smog
E Pagnoncelli adesso pensa di tagliare bus e auto non catalitiche

MILANO. In Regione potrebbe arrivare un accordo bipartisan per combattere un nemico comune: lo smog. Proprio l`inquinamento ieri è stato protagonista al seminario su “Prevenzione e interventi per la tutela della qualità dell`aria“ organizzato dalla commissione ambiente per discutere dei diversi progetti di legge sullo smog che il Consiglio regionale sta vagliando. Oltre a quello varato dalla giunta, infatti, e qui presentato da Pagnoncelli, in precedenza Ds, Verdi e Prc avevano ciascuno presentato progetti di legge, che la commissione sta cercando di fondere in un unico testo per arrivare a un progetto unico. E se sul risultato finale c`è chi è critico, come il capogruppo dei Verdi Carlo Monguzzi, altri non escludono, anzi sperano, nella possibilità di arrivare a un testo bipartisan, incluso il capogruppo del Prc Mario Agostinelli. “Se si trasformerà in una legge condivisa e efficace – ha proseguito il vicepresidente del Consiglio Marco Cipriano (Ds) – non vedo perchè non la dovremmo votare“. Positiva anche la visione dell`assessore regionale all`ambiente Marco Pagnoncelli che parla di “convergenze possibili“. Anche se ovviamente la strada da fare è lunga. Ma l`importanza del seminario sta proprio in questo confronto, secondo il presidente del Consiglio Ettore Albertoni. “In questo modo – ha spiegato – è possibile arrivare a una legge strutturale organica che manca non solo in Lombardia ma nel Paese“. E l`idea di una legge condivisa incassa anche il sì di Cgil (“è la strada da percorrere“, ha detto il segretario regionale Franco Giuffrida) e Codacons che chiede la legge più severa d`Europa. Il progetto di legge illustrato dall`assessore Pagnoncelli include fra l`altro bollini con la categoria da attaccare sulla macchina per facilitare i controlli spediti dalla Regione a tutti gli automobilisti, nuove norme per risparmiare energia e inquinare meno nelle nuove case, la messa al bando di quasi 5.000 autobus euro zero entro il prossimo luglio e quasi un milione di auto e 500.000 moto e motorini non catalitici entro ottobre 2007). Il pdl però non ha convinto tutti. “Non c`è niente di nuovo: E` la solita minestra riscaldata“, ha osservato Monguzzi, che è tornato a chiedere 100 nuovi treni, mentre a nome dei Comuni di Brescia, Bergamo, Mantova, Cremona, Pavia, Lodi, Monza e Sesto San Giovanni l`assessore bresciano all`ambiente Ettore Brunelli chiede che nella legge siano fissati “compiti precisi“ di un tavolo istituzionale fra Comuni, Regione e Province. Con una proposta: diminuire la velocità sulle autostrade da 130 a 110 km/h. “Il nostro obiettivo – ha concluso il presidente della Commissione Ambiente Stefano Maullu (Fi) – è quello della salute dei cittadini. Ed è questo l`obiettivo della legge quadro“.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox