15 Aprile 2021

REGIONE LAZIO: SU MANCATE VACCINAZIONI A ULTRA80ENNI CODACONS PRESENTA ESPOSTO IN PROCURA

    APRIRE INDAGINE SU OPERATO DELLA REGIONE PER OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO. IMPOSSIBILE PRENOTARE VACCINI PER GLI OVER80

    Sulle mancate vaccinazioni agli ultra80enni nel Lazio, il Codacons presenta oggi un esposto alla Procura della Repubblica di Roma in cui si chiede di aprire una indagine sull’operato dell’amministrazione.
    Nonostante la normativa vigente in tema di piano vaccinale e le ordinanze del Commissario Straordinario Figliuolo, la REGIONE LAZIO non si sarebbe attivata in ossequio alle disposizioni nazionali per garantire la priorità’ nelle vaccinazioni agli ultraottantenni – scrive il Codacons nell’esposto – La circostanza è facilmente riscontrabile accedendo al sito della Regione Lazio ove si riscontrerebbe una mala gestio della piattaforma che ha permesso, a partire da venerdì 26 marzo 2021 e ancora permette, di prenotare i vaccini ai settantenni, ed ora anche ai sessantenni, senza far rispettare l’indicazione sia del capo del Governo Draghi che del Commissario Figliuolo, della priorita’ assoluta determinata dall’età.
    Accedendo al sito https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home salta subito all’occhio come non vi sia rappresentata alcuna priorità che consenta di procedere a vaccinare prima gli ultraottantenni e dopo le altre categorie: inserendo i dati richiesti risulta inoltre impossibile procedere alla prenotazione per indisponibilità a causa del sovrapporsi delle richieste anche per i settantenni ed ora dei sessantenni, con stravolgimento dell’ordine di priorità del piano nazionale.
    Una situazione che mette a serio rischio la salute degli ultraottantenni, soggetti fragili che più hanno da temere per le conseguenze del virus e che dovevano essere protetti subito e a tappeto.
    Per tale motivo il Codacons ha chiesto alla Procura di Roma di aprire una indagine sull’operato della Regione Lazio per le possibili fattispecie di omissione in atti di ufficio, omesso controllo e vigilanza, mancato adempimento al contenuto delle ordinanze n. 2/2021 del 15 marzo 2021 e N. 6/2021 del 9.04.2021 a firma di Figliuolo, ma anche la possibile responsabilità per i reati di concorso in omicidio colposo e in epidemia colposa a fronte dell’elevato numero di decessi di ultraottantenni per Covid sul territorio regionale.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox