12 Ottobre 2007

REAZIONI DALL`ISOLA L`EX RE DEI SEQUESTRI DI PERSONA Mesina: uno sconto assurdo

REAZIONI DALL`ISOLA L`EX RE DEI SEQUESTRI DI PERSONA
Mesina: uno sconto assurdo

ORGOSOLO (Nuoro) ? “NON CONOSCO le leggi tedesche e quindi non posso sapere se il codice di quel Paese preveda davvero le `attenuanti etniche e culturali` e cioè la valutazione di una certa mentalità, come ha sostenuto il giudice. Ma se anche così fosse, io non condivido affatto questo modo di interpretare le norme. L`imputato ha avuto uno sconto di pena, ma l`onore di un sardo, come poi quello di tutti gli uomini, non si tutela con le botte né con le altre violenze“. Non ha dubbi, : “Il magistrato di Hannover ha sbagliato, perché in questa storia non c`entrano nulla le considerazioni sul ruolo dell`uomo e della donna nella realtà sarda“. IL COMMENTO dell`ex re dei sequestri di persona, che tra le condanne e le evasioni da treni, caserme e carceri ha trascorso quasi 40 anni oltre le sbarre, è molto diverso dalle ironiche considerazioni di un altro sardo, Francesco Cossiga. “Mi sembra una sentenza saggia ? ha commentato il presidente emerito ?. Se una donna è legata a un uomo è giusto che questi possa esercitare i suoi diritti sul coniuge. Insomma: è lecito reagire con violenza alla violenza“. Per lo scrittore nuorese Marcello Fois, invece, quella del giudice è “una decisione agghiacciante“. E per Salvatore Niffoi un“`imbecillità lombrosiana“. SULLA STESSA linea, l`ex primula Grazianeddu Mesina. “Il mio corregionale meritava una condanna più dura. Davanti alle prove del tradimento della fidanzata lituana avrebbe dovuto affrontare la situazione in maniera corretta. I confronti esistono anche per questo. Perché segregarla? E che cosa pensava di ottenere con le botte e con gli stupri? L`onore è una grande ricchezza e si mantiene senza annullare un`altra personalità“. COSÌ DICE l`ex bandito, che in estate, a volte, si infila nei panni della guida per illustrare ai turisti il fascino, i misteri e le mille suggestioni del Supramonte. “Il cameriere sardo, con il suo comportamento, è caduto nel disonore più profondo. Che cosa avrebbe dovuto fare? Semplicissimo: affidarsi al buonsenso. Che poi si riassume in un breve faccia a faccia chiarificatore con la sua donna. Non ci vuol molto a dire: mi hai tradito? e allora vai per la tua strada. Oppure la classica frase: tra noi è finita. Il giudice ha pensato che il senso dell`onore di un sardo sia diverso da quello di gente di altri luoghi. Io non credo che questo sia vero. E in ogni caso non c`entra davvero nulla il concetto che un uomo della mia isola ha nei confronti della sua donna. I tempi sono cambiati, e non da ieri, e la violenza non è più accettabile, né in Germania né in Sardegna“. Vero: il Codacons isolano ha preannunciato una denuncia contro il giudice di Hannover.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox