19 Giugno 2020

RC AUTO: SU RIMBORSI CODACONS INVIA SEGNALAZIONE A IVASS, GOVERNO E PARLAMENTO

     

    SUBITO RISTORO PER MESI DI LOCKDOWN O SCATTA DENUNCIA PENALE E CLASS ACTION CONTRO COMPAGNIE

    In tema di Rc auto e dopo i rilievi dell’Ivass che ieri ha sottolineato il problema dei rimborsi legati al lockdown, il Codacons invia oggi una segnalazione a Ivass, Governo e Parlamento in cui si chiede un intervento urgente a tutela dei consumatori.
    A fronte di tre mesi di lockdown in cui le auto sono rimaste ferme a causa dei limiti alla circolazione, gli assicurati hanno continuato a pagare polizze Rc Auto e nessun indennizzo è stato loro riconosciuto, diversamente da quanto previsto per palestre, trasporti e altri ambiti in cui il Governo ha riconosciuto un rimborso in favore degli utenti – spiega il Codacons – Una situazione di evidente squilibrio, che ha prodotto da un lato un danno economico pari a 3,9 miliardi di euro per gli automobilisti italiani, dall’altro un indebito arricchimento per le imprese assicuratrici, che hanno goduto di un crollo dei sinistri stradali.
    Con l’istanza odierna il Codacons chiede a Ivass, Governo e Parlamento di adottare misure urgenti per obbligare le compagnie di assicurazioni a rimborsare i propri clienti per i 3 mesi di fermo delle autovetture; in caso contrario, l’associazione si prepara ad una battaglia legale contro le imprese, attraverso un denuncia penale per appropriazione indebita e una possibile class action da parte degli assicurati.
    Gli utenti che intendano richiedere il rimborso parziale della polizza rc auto possono contattare il Codacons al numero 89349966 attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 14 alle ore 17.

    Previous Next
    Close
    Test Caption
    Test Description goes like this
    WordPress Lightbox