4 Giugno 2002

Rc auto, risarcimenti più veloci grazie alla conciliazione

Rc auto, risarcimenti più veloci grazie alla conciliazione
È stata avviata la sperimentazione della procedura di conciliazione dei sinistri Rc auto, sottoscritta dall`Ania e da un gruppo di associaizoni di difesa dei consumatori






ROMA ? Grazie a un accordo fra le compagnie assicurative e le associazioni dei consumatori, sarà molto più semplice e rapido risolvere le controversie sui risarcimenti, senza ricorrere al giudice. È partita, infatti, la sperimentazione della procedura di conciliazione dei sinistri Rc auto sottoscritta da Ania (associazione compagnie di assicurazione) e da un folto gruppo di associazioni di consumatori.

?È senz`altro un passo importante ? ha dichiarato Alfonso Desiata, presidente Ania ? in direzione di quelle modifiche strutturali del mercato Rc auto che perseguiamo da anni. La procedura è vantaggiosa per tutti“. Le associazioni di consumatori che hanno sottoscritto l`accordo sono Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Centro Tutela Consumatori Utenti, Cittadinanza Attiva, Codacons, Confconsumatori, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento di Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori.

Nella prima fase la procedura sarà testata in sette provincie per poi passare, una volta rodata la macchina organizzativa, a una graduale estensione in tutta Italia. Per ciascuna provincia alcune imprese di assicurazione si occuperanno di testare la procedura limitatamente alle controversie che le riguardano.

La procedura di conciliazione prevede una soluzione rapida alle controversie relative ai sinistri Rc Auto, “con la riduzione del contenzioso e il miglioramento dei rapporti tra compagnie assicurative e automobilisti?, ed è finalizzata soprattutto alla composizione dei quei sinistri considerati “difficili“, in cui tra le parti c?è disparità di vedute sul risarcimento. La conciliazione prevede meccanismi “certi e rapidi“ per arrivare alla definizione della controversia.

Prima di tutto il danneggiato esporrà le proprie ragioni alla compagnia, che entro 30 giorni proporrà una soluzione. Se l`assicurato non sarà soddisfatto della risposta potrà allora rivolgersi a una delle associazioni dei consumatori che aderiscono alla procedura. Il caso verrà quindi valutato da una Commissione di conciliazione composta dal rappresentante del consumatore e da quello della compagnia, che dovrà decidere entro 30 giorni. La decisione della Commissione arriverà perciò entro 60 giorni dalla prima segnalazione del problema. Naturalmente il ricorso alla procedura stragiudiziale è volontario. La procedura sarà operativa per le richieste di risarcimento rc auto fino a 15mila euro e cioè per il 90% di tutti i sinistri rc auto in Italia.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox