1 Luglio 2004

«Rc auto, liquidazioni più veloci»

«Rc auto, liquidazioni più veloci» Al tavolo compagnie e consumatori



ROMA – Meno cause per gli avvocati e per i giudici di pace, più lavoro (e iscritti) per le associazioni dei consumatori. Parte oggi la nuova procedura di conciliazione per i sinistri con danni non superiori ai 15 mila euro, ossia per il 90% dei sinistri che si verificano in Italia, frutto dell?accordo tra l?Ania (l?associazione compagnie assicurative presieduta da Fabio Cerchiai) e alcune associazioni dei consumatori (Acu, Adiconsum, Adoc, Altroconsumo, Centro tutela consumatori utenti, Federconsumatori e Lega Consumatori). Scopo dichiarato: ridurre tempi e costi del contenzioso degli incidenti, ormai per quasi il 70% risolto dai giudici conciliatori o dai giudici di pace. Alla procedura può ricorrere chi abbia rivolto un reclamo alla propria compagnia, ottenendo una risposta ritenuta «insoddisfacente» o non ricevendo alcuna risposta entro 30 giorni dalla presentazione del reclamo. A quel punto l?assicurato può rivolgersi a una delle associazioni che hanno aderito alla procedura e darle mandato di transigere. Sarà l`associazione a valutare il caso e, se lo riterrà fondato, a presentarlo a una commissione di conciliazione composta da un proprio rappresentante e da uno della compagnia. La commissione dovrà decidere entro trenta giorni se non procedere, procedere informalmente oppure procedere per vie formali. Se la risposta della commissione non soddisferà ancora l`assicurato, questi potrà sempre scegliere di non accettarla e procedere per le vie tradizionali.
La procedura non comporta oneri per il consumatore, salvo, chiaramente, l`eventuale iscrizione richiesta dall`associazione cui viene conferito il mandato. Un particolare non ininfluente perché un certo numero di iscrizioni consente alle associazioni dei consumatori di ottenere il riconoscimento ai fini della legge, e i conseguenti contributi statali.
Intanto il Codacons replica alle affermazioni del ministro delle Attività produttive, Antonio Marzano, per il quale le tariffe Rc auto «sono stabili, in molti casi in riduzione». Carlo Rienzi, presidente dell`associazione, invita il ministro a rendere pubblico l`elenco delle compagnie che avrebbero diminuito le tariffe, «a meno che – aggiunge il presidente del Codacons – Marzano non intenda per riduzione il calo dello 0,22% annunciato nei giorni scorsi. Ossia una riduzione di appena 2 euro su una polizza da mille euro, dopo che negli ultimi anni le tariffe sono più che raddoppiate spellando gli assicurati».


Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this