30 Novembre 2011

RC AUTO. Isvap: aumenti tariffe è dramma sociale. D’accordo i Consumatori

RC AUTO. Isvap: aumenti tariffe è dramma sociale. D’accordo i Consumatori

 
Parla di un "dramma sociale" Giancarlo Giannini, presidente Isvap, riferendosi al fenomeno delle elevate tariffe della rc auto. Nel corso dell’audizione al Senato di oggi, il Presidente ha ricordato i dati raccolti tra ottobre 2009 e ottobre 2011: +26,9% per un 40enni in massimo bonus, +20,2% per un 18enne in auto, +27,9% e +45,4% per un 18enne alla guida rispettivamente di un ciclomotore e di un motociclo. L’Istituto propone quindi una riforma del settore, a partire dal sistema bonus-malus. Ma non solo. Come è noto, uno dei problemi del caro polizza sono le truffe, sempre in agguato nel settore assicurativo. Anche su questo Giannini ha detto la sua proponendo di "dematerializzare i documenti assicurativi, sostituendoli con sistemi elettronici, ed estendere la confisca del veicolo (oggi prevista solo nei casi di circolazione con documenti falsi o contraffatti) anche alla circolazione senza copertura assicurativa".
Giannini non si è fermato alla denuncia e dinanzi all’Aula del Senato ha avanzato le sue proposte per contrastare il caro polizza: "L’Isvap pensa ad una riforma sistematica che, combinata ad uno sforzo di efficienza della gestione da parte delle imprese, può condurre nel tempo ad un contenimento del costo della rc auto nella misura del 15-18%, grazie alla considerevole diminuzione dell’impatto dei sinistri sui bilanci delle imprese". Le proposte vanno dalla necessità di completamento della disciplina del danno alla persona, guardando in particolare alle cosiddetta macroinvalidità, alla rivisitazione del sistema bonus-malus, dalla razionalizzazione della procedura di risarcimento diretto, attraverso la chiara ed univoca riaffermazione della sua esclusività, ad interventi correttivi in tema di prevenzione e contrasto dei fenomeni fraudolenti. In particolare per quanto riguarda il bonus malus l’Autorità punta all’elaborazione di una nuova scala di coefficienti di merito, unica per tutto il mercato, che consentirà agli assicurati di conoscere in anticipo ed in assoluta trasparenza, nell’ipotesi di tariffa invariata, i risparmi di costi conseguenti a condotte di guida virtuose o, viceversa, le penalizzazioni in caso di sinistri.
Il Codacons condivide le preoccupazioni espresse sulle tariffe rc auto da Giancarlo Giannini e rilancia le sue proposte. "È indispensabile – afferma il Codacons – che in questi settori siano attuate finalmente quelle liberalizzazioni attese invano per anni e si riduca la pressione fiscale". "I consumatori italiani – prosegue l’associazione – subiscono una condizione per cui, data l’assenza di concorrenza e la presenza di oligopoli collusivi e di tasse intollerabili, devono pagare le assicurazioni, le banche, le tariffe telefoniche, la benzina, la luce ed il gas più cari d’Europa". Il Codacons chiede quindi di rivedere la norma che consente alle province di innalzare le tasse sulle polizze rc auto, con un’aliquota aggiuntiva del 3,5% sull’importo netto del premio.
Anche Federconsumatori e Adusbef esprimo apprezzamento per le dichiarazioni del Presidente Isvap: "Un aumento che non conosce limiti e che, secondo i nostri dati, dal 1994 ad oggi si attesta al +186%. Solo nell’ultimo anno vi è stata una crescita del 12% in media, ma con picchi per i neopatentati anche del 20%. Ad aggravare la situazione, inoltre, contribuiscono anche le azioni di disdetta e l’abbandono di intere zone da parte delle compagnie, soprattutto nel Sud".

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox