2 Aprile 2003

Rc Auto: dialogo sì…anzi no



Il decreto sta per bussare alle porte delle compagnie di assicurazione, che tra breve saranno chiamate ad applicarlo.

L`associazione che rtiuniusce le compagnie di assicurazione (Ania) si dice soddisfatta.
Non potrebbe essere altrimenti per un provvedimento che i Consumatori hanno definito `salva-compagnie` e a cui le stesse affibbiano la definizione più blanda di misura `frena-ricorsi`.

Il riferimento è alle richieste di rimborsi da parte degli utenti che chiedono di essere risarciti per i pesantissimi premi versati tra il `95 e il 2000.
Ma le compagnie sono rassicuranti verso gli utenti e si dicono pronte ad adottare altri provvedimenti in loro favore.
Del resto, ribadiscono, il provvedimento `non impedirà la possibilità di fare ricorso contro le compagnie`, anzi, rimettendo ordine nella normativa in materia prevede i tre gradi di giudizio.

Lo ha spiegato il direttore generale dell`Ania, Gianpaolo Galli, alla vigilia della seduta di Palazzo Madama.
In un`intervista rilasciata all`agenzia di stampa Ansa, Galli ha illustrato i tratti fondamentali di un cambiamento che interesserà tutto il comparto relativo all`assicurazione Rc Auto per veicoli a motore.

Il decreto di fatto limita il giudizio secondo equità del giudice di pace, obbligandolo a decidere dopo l`applicazione ordinaria della legge.
Nega ogni limitazione al diritto degli utenti Galli, che anzi ribadisce: `Il decreto – spiega Galli – non toglie competenza ai giudici di pace, ma chiede di decidere secondo regole di diritto`.

Le controversie sottratte al giudizio secondo equità del giudice di pace sono, ricorda lo stesso direttore generale quelle riguardanti contratti conclusi mediante moduli o formulari.
Quelle tipologie, cioè, che riguardano un gran numero di utenti.
Unica eccezione che apre la strada al giudizio secondo equità, sono le controversie di valore modesto.

Il caso dell`Rc Auto, ammonisce Galli, `mette in gioco migliaia di miliardi`, motivo per cui, a suo giudizio e delle compagnie che Galli rappresenta, `è necessario che si giudichi secondo la legislazione vigente`.

Galli getta acqua sul fuoco a proposito dei cattivi rapporti che intercorrono tra Consumatori e compagnie.
Il prevedibile via libera al decreto,secondo Galli,non porterà a una rottura con le associazioni dei consumatori.
Si accontentino, sembra voler ammonire ancora Galli, perché c`è un barlume di speranza sulla riduzione futura delle tariffe.
`Il dialogo triangolare – afferma il direttore generale, riferendosi al dialogo al vertice con il Governo – non si è interrotto`.

Il ministero si dice d`accordo.
Tanto che il titolare del dicastero -quello delle Attività Produttive- Antonio Marzano ha confermato una prossima convocazione del tavolo, slittato a data da destinarsi lo scorso 20 marzo.

Ma i Consumatori sembrano meno concilianti.
`E` l`ennesima volta che Marzano annuncia un tavolo con i consumatori e poi c`è nessuna convocazione`, ha risposto Rosario Trafiletti, segretario della Federconsumatori.
Comunque, conclude, `se verremo chiamati andremo a vedere che cosa hanno da dire`.
Ma a proposito della rottura del muro contro muro e delle prospettive di un dialogo, Trafiletti dice la sua: `è ormai difficilissimo per tutti` ha dichiarato a nome dell`Intesa che, oltre all`associazione da lui rappresentata, vede tra le sue fila Adusbef, Adoc e Codacons.
Non lo vede così lontano la Coalizione, che si mostra più possibilista.
Sottoporrà al ministro Marzano un disegno di legge di parziale revisione del decreto.
Ma l`Ania aveva aperto ai Consumatori con l`affermazione di future misure in favore degli utenti.
`Tanto di guadagnato` risponde Trefiletti `ma questo non bloccherà le nostre azioni`.

L`Intesa continuerà quindi la sua battaglia su due piani, quello legale e quello di propaganda negativa nei confronti dei senatori che voteranno a favore del decreto.

D`altra parte le azioni sono già state intraprese.
Trefiletti ricorda i ricorsi alla Corte Costituzionale e alla Corte di giustizia europea, `contro un decreto liberticida che ci allontana dall`Europa`.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox