22 maggio 2017

Rc auto, Campania record di auto “scoperte”

NAPOLI. Continua a crescere in Italia il numero di veicoli – auto e moto – che circolano senza assicurazione. Erano 3,9 milioni nel 2014 (l’ 8,7% del totale), sono circa 5 milioni oggi (il 13%): oltre un milione in più in appena tre anni. A lanciare l’ allarme è l’ Asaps, Associazione amici sostenitori polizia stradale, che parla senza mezzi termini di «progressione inquietante» e di «trend consolidato», visto che i veicoli privi di assicurazione erano 3,1 milioni nel 2012. Al fenomeno l’ Asaps dedicherà presto un ebook (riservato ai soci), ma i numeri elaborati da due dei consiglieri nazionali autorizzano già ora a parlare di emergenza. «Una premessa doverosa – spiega Giordano Biserni, presidente dell’ Asaps -: i 51,4 milioni di veicoli registrati nel dataset della Motorizzazione civile (aggiornamento a febbraio 2017) comprendono anche quelli che, seppure immatricolati, non circolano perché magari restano in aree private, perché il proprietario ne fa un uso solo stagionale o perché sottoposti a fermo amministrativo, ma lo stesso valeva anche per i “censimenti” degli anni precedenti». La “scopertura” assicurativa si registra soprattutto al Sud, in particolare in Campania: «In provincia di Napoli il 25,6 per cento dei veicoli, di fatto uno su quattro, manca di Rc auto» ma a Qualiano e a Striano, comuni della stessa provincia, la quota sale rispettivamente al 46 e a poco meno del 47, mentre a Castel Volturno, nel Casertano, si arriva al 42. E in una nota il Codacons scrive che «la circolazione di auto sprovviste di copertura assicurativa è un fenomeno grave. Le responsabilità sono però anche da ricercare nelle follie del mercato assicurativo italiano. E non è certo un caso se la circolazione di auto senza copertura assicurativa riguarda in special modo la Campania: basti pensare che per assicurare un’ automobile a Napoli si spende mediamente poco più di 1.000 euro ma si possono raggiungere anche i 2.800 euro».