6 Giugno 2018

Rai, dalla Iena M5S all’ ex ministra azzurra la carica dei curricula per entrare nel cda

LA TV PUBBLICA ROMA Big del giornalismo come Giovanni Minoli e Michele Santoro, ex dirigenti di aziende di tlc, come Vincenzo Novari (è stato ad di 3Italia) e Lucia Calvosa nel board di Tim come indipendente fino al maggio scorso, ex parlamentari come i forzisti Nunzia De Girolamo e Giorgio Lainati, l’ ex Iena Dino Giarrusso, candidato con i pentastellati alle ultime elezioni. Ed ancora: Fabrizio Del Noce, già direttore di Rai1, il conduttore radiofonico Aldo Forbice, l’ ex direttore di Rai sport Eugenio De Paoli, il cassazionista Salvatore Fulvio Sarzana di S.Ippolito, il numero uno di Euro Spa Roberto Diacetti. Arrivano da mondi diversi ma sono tutti in corsa per far parte del nuovo Consiglio di amministrazione della Rai. L’ attuale Cda scade il 30 giugno (anche gli uscenti Franco Siddi, Rita Borioni, Carlo Freccero e Arturo Diaconale e Giancarlo Mazzuca partecipano alla gara), poi a viale Mazzini comincerà la nuova stagione che fa riferimento al governo giallo-verde. Ieri sui siti di Camera e Senato sono stati pubblicati tutti i curricula degli aspiranti. Veterani della tv, esperti del settore, produttori, ex amministratori di aziende pubbliche. L’ elenco è lunghissimo: 236 i concorrenti per i 4 componenti che saranno eletti da Camera e Senato (due per ciascun ramo del Parlamento). Movimento 5Stelle e Lega ufficialmente non hanno ancora aperto il dossier anche perché le trattative, riferiscono fonti parlamentari, sono legate a tutto il pacchetto di nomine in arrivo, a partire da quelle degli enti di Stato per finire ai sottosegretari e ai viceministri. PRODUCER E ASSESSORI Ci sono i nomi di Flavia Barca, ex assessore capitolina e sorella dell’ ex ministro Fabrizio, c’ è l’ ex parlamentare Paola Balducci (componente del Csm, in carica fino a settembre), il produttore tv Francesco Siciliano, dell’ ex dirigente di Telepiù (la prima tv a pagamento in Italia proposta da Canal plus) Emmanuel Gout, Umberto Rapetto, generale della Guardia di finanza esperto in cybercrime. In lizza anche Stefano Rolando, in passato a capo del settore editoria a Palazzo Chigi, Giuseppe Sangiorgi, esperto tv, Enzo Savarese (in passato componente Agcom), Alberto Contri, esperto di comunicazione, presidente di Pubblicità Progresso, Massimiliano Dona, presidente dell’ Unione nazionale consumatori, Angelo Maria Perrino, editore. Ambiscono ad un posto al sole anche Piero Vigorelli (che ha lavorato in Rai, Mediaset e nelle emittenti del gruppo Telecom), Marco Mele, firma del Sole 24 Ore fino al 2017, Wolfgang Achtner (ex Cnn e Abc), Piero De Chiara, con un curriculum ricco di esperienze nelle tlc e da ultimo consulente dell’ Agcom. Tra i curricula anche annotazioni curiose: l’ outsider Salvatore Acanfora dichiara orgogliosamente di essere un ex capotreno, pensionato, padre di tre figli e di avere il record di petizioni inviate in Parlamento, oltre 4mila, così da entrare nel guinness dei primati. Hanno inviato la propria candidatura pure Massimiliano Dona (Unc), Carlo Rienzi (Codacons), un ex consigliere regionale della Lista Bonino, Giuseppe Rossodivita, storico militante e avvocato dei Radicali. Inoltre: Gianni Celata, ex membro della Commissione Nazionale Cinema e del consiglio d’ amministrazione dell’ Ice e Camillo Ricci, che in carriera ha curato la comunicazione di Alenia, Salini, Grandi Stazioni e del Dalai Lama. EN PLEIN GIALLO VERDE Senatori e deputati potranno votare un solo nome. L’ obiettivo di Lega e M5s è fare bottino pieno. Per quanto riguarda i vertici dell’ azienda circolano da tempo i nomi di Milena Gabanelli per la presidenza (ma nel centrodestra circola anche l’ ipotesi di Stefano Parisi) mentre per la direzione generale in ballo ci sono Carlo Freccero (consigliere uscente vicino a M5s), Ferruccio de Bortoli (ex direttore de Il Sole 24 Ore e del Corsera), Massimo Franco (editorialista del Corsera), Fabrizio Salini, ex Ceo di Fox Italia. Emilio Pucci © RIPRODUZIONE RISERVATA.
emilio pucci

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox