6 Maggio 2017

Raggi: «Terribile» Sinisa: «Così no, c’ è da aver paura»

Raggi: «Terribile» Sinisa: «Così no, c’ è da aver paura»
condanna unanime del calcio e delle istituzioni il sindaco della capitale: «voglio subito chiarezza»

La notizia ha fatto subito il giro del mondo. Inevitabile, sia per la gravità del gesto, sia per la «location»: con il Colosseo sullo sfondo, monumento-simbolo di Roma e dell’ Italia intera. Così in pochi minuti tutti i maggiori siti di informazione europei e mondiali hanno rilanciato quelle foto con i manichini con la maglia della Roma appesi al ponte davanti al Colosseo. LA CITTà Immagini che hanno ferito innanzitutto la città di Roma. La sindaca Virginia Raggi è stata tra i primi a intervenire: «È terribile – ha detto Raggi -, una cosa gravissima e inaccettabile. Sicuramente non è questo lo spirito dello sport e della città. Noi confidiamo che la magistratura possa quanto prima fare luce su questo episodio vergognoso. Chiaramente da parte nostra solidarietà a tutte le persone minacciate». Dello stesso tenore la reazione dell’ assessore allo sport Daniele Frongia: «Questa notte nei pressi dal Colosseo alcune persone hanno esposto dei manichini impiccati e uno striscione con un messaggio di minaccia contro il club giallorosso. Un atto vergognoso e una grave offesa ai valori e al mondo dello sport». LE ISTITUZIONI Ma la gravità dell’ episodio riguarda l’ Italia intera. E così anche il Ministro con delega allo sport Luca Lotti ha voluto dire la sua da Alghero, dove si trovava per la partenza del Giro d’ Italia: «Questo non è sport. Lo sport e il calcio sono sempre un gioco e a questo dobbiamo fare riferimento. Questi gesti vanno condannati, non è così che si può vivere di calcio e di sport». Durissima la presa di posizione del Codacons: «La città non merita questi delinquenti – ha detto il presidente Carlo Rienzi -. Non si tratta di una bravata, ma di una grave intimidazione che getta discredito sull’ intera capitale e rovina l’ immagine di Roma agli occhi del mondo. Chiediamo tolleranza zero verso i violenti che nella notte hanno appeso i manichini in segno di minaccia, e una punizione esemplare che faccia capire come simili episodi a Roma non siano tollerabili». Su quanto accaduto davanti al Colosseo è intervenuto pure il il segretario della Lega Matteo Salvini: «Massima solidarietà ai giocatori della Roma minacciati da vigliacchi». IL CALCIO Attonito anche il mondo del calcio. L’ allenatore del Toro Sinisa Mihajlovic è stato tra i più sensibili, anche in virtù del suo legame con la città di Roma e del suo passato di giocatore di entrambe le squadre romane: «Il calcio è fatto di passione – ha detto Mihajlovic – ma queste cose non dovrebbero succedere. Hanno fatto quello che volevano davanti al monumento più importante della città. E’ strano che nessuno sia intervenuto e in parte fa paura». Amaro il commento del presidente dell’ Aic Damiano Tommasi: «Non chiamatela goliardia. I tifosi che hanno appeso i manichini dei giocatori con il Colosseo sullo sfondo, volevano lanciare un messaggio al mondo, perché questo è il loro modo di intendere il calcio». Controcorrente il giornalista Giampiero Mughini: «Non vedo nulla di grave. È solo un gesto goliardico e non gangsteristico. Nessuna minaccia, a Roma ho visto di peggio. Basti pensare al razzo partito dalla Sud che uccise Paparelli».
carlo rienzi
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this