11 Luglio 2016

Raggi: “Ripuliremo Roma dai rifiuti”

Raggi: “Ripuliremo Roma dai rifiuti”
La sindaca a Tor Bella Monaca dopo il video con i bambini che contavano i topi

Un video circolato in rete aveva come protagonisti dei bambini che contavano i topi accanto ai cassonetti dell’immondizia nel quartiere Tor Bella Monaca: 25 in cinque minuti. La neosindaca di Roma, Virginia Raggi, questa mattina è andata a fare un giro nel quartiere: una ricognizione sul territorio per dimostrare che la giunta vuole affrontare il problema dei rifiuti a Roma. Come? «Stiamo valutando, oltre all’eventuale aumento delle sanzioni, di renderle effettive» mediante «sistemi di videosorveglianza e la collocazione di controllori nelle aree più complesse», ha annunciato. «Abbiamo inoltre individuato – ha aggiunto – 32 aree nelle quali costruire delle mini isole ecologiche in ogni quartiere», ha aggiunto. Stamattina, intanto, a Tor Bella Monaca sono arrivati camion dell’Ama che hanno ripulito la zona. «Questo intervento non basta, non intendiamo fare un intervento spot che non serve a nessuno», ha detto Raggi.  

L’appello  

Raggi ha visto che «molte aree vengono utilizzate come discariche e stiamo partendo con le pulizie e le bonifiche». Infine, il sindaco ha rivolto un appello ai romani: «Aiutateci a mantenere la città pulita e conferite bene, perché se iniziamo a collaborare presto Roma avrà un nuovo vestito». La sindaca ha anche chiesto l’impegno di un bambino «per la raccolta differenziata».  

L’impegno  

I cittadini, ha detto Raggi, «ci hanno chiesto di non fare la solita passerella, perché evidentemente sono abituati a questo: politici che vengono, vanno, magari risolvono nell’immediatezza il problema e poi lasciano la città nell’abbandono. Non è questo che dobbiamo fare e vogliamo fare, quindi partiamo da qui per ricominciare a ristabilire un po’ l’ordine e la normalità».

La protesta  

«Il sindaco Raggi farebbe bene a fare il giro della città per rendersi conto che i topi sono ovunque, centro storico compreso. Andare in un solo quartiere quando il fenomeno è’ esteso a tutta la città – afferma il presidente del Codacons, l’associazione dei consumatori, Carlo Rienzi – non ha molto senso e sembra più una scelta di immagine. Segnalazioni sulla presenza di topi in strada arrivano un dalla centralissima via Simon de Saint Bon fino alla stazione Anagnina, dove i passeggeri diretti alla metro devono fare lo slalom tra i ratti. L’emergenza roditori – prosegue – si acuisce nel periodo estivo a causa delle carenze nella raccolta dei rifiuti: i cassonetti strapieni e la spazzatura lasciata in strada sotto il sole attirano i topi che escono allo scoperto per cibarsi. Se non si risolve il problema dei rifiuti- conclude Rienzi – sarà impossibile eliminare i ratti dalle strade, con pericoli sanitari evidenti per i cittadini».

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox