22 Novembre 2010

Quanto si è ripreso sui bond argentini

Inque annifa l’ offertaadell’ Argentina ai suoi sventuratii obbligazionisti, travolto dal crac del dicembre 2001, fu bollata come indecente, vergognosa ecc. e comunque inaccettabile.Quest’ annoo ha proposto ancor meno e quasi nessuno ha fiatato. La riaperturadell’ offertaa pubblica di scambio (ops) di Buenos Aires èstata unaa ciambella di salvataggio lanciata soprattutto ai risparmiatori italiani. Solo inItalia co sì tanti non aderironoo nel 2005, vittime del tiro mancino giocatogli da chi si atteggiava a loro paladino. Se oltre 200 mila rimasero col cerino acceso in mano è perché Federconsumatori, Codacons, Adiconsum ecc. si premuravano di"sconsigliaree ai risparmiatori di aderire adun’ offertaacapestro"" e Altroconsumo addirittura derideva chi, come il sottoscritto, spiegava quanto fosse autolesionista un rifiuto. Ma questa volta anche i sassi avevano capito chelepossibilitàà di vincere cause o arbitrati contro la repubblica sudamericana sono praticamente nulle. Così molti hanno pensato checonvenisse salire sull’ ultimo treno ee hanno consegnato le loro vecchie obbligazioni in cambio di un pacchetto di titoli e qualche soldo. Recentemente è tutto arrivato sui depositi titoli e sui conti, avolteprimaavolte dopo,, a secondadell’ intermediario.. Capire quanto è stato effettivamente recuperato non è immediato e varia leggermente da titolo a titolo. Nel caso in particolare dei piccoli risparmiatori, bisogna sommare cinque voci (vedi il grafico pubblicato in pagina), arrivando così a circa 54 euro per ogni 100 di valore nominale delle obbligazionioriginarie. E’ piùdiquanto cisiaspettavaa al momentodell’ offerta,, perché i titoli argentini sono complessivamente saliti. E’ peròò comunque meno rispettoa quanti,,in barbaa ai tanti cattivi consigli, aderirono già nel 2005. Costoro hanno ottenuto 6,7 euro aggiuntivi grazieai pagamentii dello strano titoloArgentina PilIl 2035,con un recuperoo complessivo intorno ai 61 euro. A proposito di una seconda chance, sarebbe carino sel’ offrissee anche il Tesoro italiano peririmborsidelle obbligazionii Alitalia, ormaiindiritturad’ arrivo.. Le poche mancate adesioni non sono neppure da attribuire aintenzionibellicose (evelleitarie)) nei confronti dello stato italiano, comeper l’ Argentina,, ma solo a dimenticanza o a obiettive difficoltà perun’ offertaa che scadeva (due anni) faproprio allaa fine agosto.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox