10 Agosto 2019

Quanto peseranno gli (eventuali) incrementi dell’ Iva sui beni più diffusi

 

Roma, 10 ago. (askanews) – Dal caffè allo smartphone, dal tramezzino alla pizza fino alle bollette di gas e luce. Il Codacons ha calcolato gli incrementi dell’ Iva sui prezzi dei beni più diffusi tra gli italiani, nell’ eventualità che la crisi di governo impedisca lo stop a partire dal primo gennaio. Secondo l’ associazione di consumatori, un caffè si pagherebbe 24 centesimi in più, lo smartphone 30 euro in più, un tramezzino +7 centesimi e la pizza +20 centesimi. Fino alle bollette che subirebbero un rincaro pari a 30 euro annui per quella del gas e 15 euro in media in più all’ anno per la luce. Complessivamente il rincaro medio per famiglia nel biennio 2020-2021 sarebbe di circa 1.200 euro. Aumenti probabilmente per difetto, precisa il Codacons, che non ha tenuto conto dei “possibili arrotondamenti che saranno effettuati da esercenti e professionisti sui propri listini”. Tra i beni con l’ Iva al 22% che passerebbe ad un’ aliquota al 26,5%: il caffè (2 pz x 250 gr) il cui prezzo medio aumenterebbe da 6,40 euro a 6,64; la birra (0,66 cl) il cui prezzo medio è 1,55 euro e passerebbe a 1,61 euro; il dentifricio 2,70 euro passerebbe a 2,80 euro; il sapone liquido mani da 1,80 euro a 1,87 euro; la Coca Cola (1,5 lt) da 2,05 euro a 2,13 euro; il bagnoschiuma da 2,30 euro a 2,39 euro; lo spazzolino da denti da 2,80 euro a 2,90 euro; le scarpe da ginnastica da 100 euro a 103,7 euro; lavare un pantalone in lavanderia da 4 euro a 4,15 euro; messa in piega dal parrucchiere da 16 euro a 16,6 euro; il taglio per donna da 20 euro a 20,7 euro; i Jeans di marca da uomo da 126 euro a 130,7 euro. Fino ad un’ auto di media cilindrata da 16.775 a 17.394 euro; un auto Suv di alta gamma da 61.000 euro a 63.250 euro; un Tablet da 299 euro a 310 euro; uno Smartphone da 799 euro a 828 euro. Rincari anche per i beni con l’ Iva al 10% che passerebbero ad un’ Iva al 13%, dal caffè al bar al cinema, alle bollette. Un caffè al bar passerebbe invece da 90 centesimi medi a 93 centesimi; un chilo di biscotti frollini da 3,29 euro a 3,38 euro; il tramezzino da 2,30 euro a 2,37 euro; un pizza Margherita da 6,85 euro a 7,04 euro; il cappuccino da 1,20 euro a 1,23 euro; lo Yogurt (2 pz) da 1,55 euro a 1,60 euro; le uova (conf. da 6) da 1,25 euro a 1,28 euro; la bolletta del gas (su dati anno 2018) da 1.096 euro a 1.126 euro; la bolletta della luce (su dati anno 2018) da 552 euro a 567 euro; il biglietto del cinema da 8,50 euro a 8,73 euro. Cos/Int9.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox