16 Dicembre 2015

«Quanto dureranno i contenziosi?»

«Quanto dureranno i contenziosi?»
risparmiatori in fibrillazione, il codacons: serviranno alcuni mesi

LAGOSANTO Decine d’ investitori, clienti della Carife, che da un giorno all’ altro si sono visti azzerati, in alcuni casi anche cifre cospicue, i propri investimenti e di conseguenza i risparmi, hanno partecipato lunedì, presso la sala civica Borgo Fiocinini a Lagosanto, ad un incontro pubblico a Lagosanto. L’ incontro, organizzato dal gruppo civico Lagosanto che Cambia di Gianluca Bonazza, ha visto l’ intervento del presidente regionale Codacons, Bruno Barbieri, e di due consulenti legali. L’ incontro era gratuito e la sala civica era gremita di persone, diverse sono rimaste in piedi, ha in effetti offerto ai cittadini le necessarie informazioni su cosa sia possibile fare per recuperare dette perdite. Per prima cosa Barbieri ha consigliato ai presenti di non cedere al panico, invitando le persone rimaste coinvolte a sottoscrivere la nomina di persona offesa, che sarà consegnata alla Procura e consentirà di essere parte in causa nel processo penale che sarà istituito nei confronti di Carife. Barbieri ha poi ricordato ai presenti che per agire al meglio va richiesto l’ estratto conto dell’ investimento, la sottoscrizione e l’ autocertificazione del profilo di rischio. Nel caso in cui la banca avesse perso la documentazione della sottoscrizione di titoli ed azioni il rimborso di quanto investito è garantito. Si dovranno valutare anche i profili di rischio dell’ investitore e se i profili non dovessero corrispondere a quanto sottoscritto c’ è il diritto a ricevere indietro la somma investita. Molte le domande poste da parte dei risparmiatori, in un clima di preoccupazione, ma per l’ associazione di consumatori si possono ottenere dei risultati e recuperare, con la forza di molti, buona parte di quanto perduto. Barbieri ha poi ricordato che oltre a Lagosanto sono previsti anche altri incontri con azionisti Carife, questa sera a Ferrara (hotel Carlton, ore 20.30), poi in altre località del Delta, fra queste nei prossimi giorni a Comacchio. Il consiglio dato è che prima ci si muove, vista che è imminente la comunicazione di chiusura delle indagini preliminari e minore sarà il tempo di attesa per il processo. La domanda più frequente, a parte i casi personali che vanno vagliati ognuno per conto proprio, è stata quella di quanto tempo ci vorrà per portare a casa in tutto o in parte quanto perduto. Barbieri ha risposto che ci vorranno alcuni mesi. Maria Rosa Bellini.
maria rosa bellini
 
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox