12 Ottobre 2007

Pubblicità SSN, Codacons: “Ministero investa i soldi in cose più serie“

Il Codacons ha deciso di presentare un esposto all`Antitrust affinché accerti la veridicità del messaggio promozionale con cui il Servizio Sanitario Nazionale ha deciso di festeggiare i suoi 30 anni. L`associazione si chiede: Quanto bisogna aspettare, ad esempio, per fare una mammografia? Perché non è stata pubblicata la durata media delle liste di attesa? Perché non si dice che in Italia i farmaci a carico del cittadino sono i più cari d`Europa? Semplice dimenticanza, o pubblicità ingannevole? Il Codacons chiede che il Ministero della Salute investa i soldi della campagna pubblicitaria in cose più serie, come l`acquisto di macchinari utili per ridurre le liste di attesa di mammografie e risonanze. La pubblicità in questione comincia con il dire che la sanità italiana è al secondo posto nel mondo per l`Organizzazione Mondiale della Sanità e prosegue sostenendo che l`Italia è leader in Europa per numero di farmaci gratuiti offerti ai cittadini, quattro su cinque sarebbero a carico del SSN. Peccato – fa notare il Codacons – che non si dicano i parametri secondo i quali viene stilata la graduatoria, che guarda caso non tiene conto delle liste di attesa. Peccato che non si dica che ci sono altre classifiche, ad esempio l`ultima in ordine di tempo è quella dell`Health Consumer Powerhouse, che ci vedono, considerando la sola Europa, al 18° posto su 29 Paesi.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox