18 Febbraio 2019

Protesta pastori sardi per il latte: rischio rincari nel carrello

 

Codacons a fianco dei pastori sardi presenta una nuova denuncia sul caso dei contratti firmati “in bianco” con le aziende senza poter decidere il prezzo di vendita del latte

L’ipotesi di accordo tra allevatori, industria e Governo per portare a 72 centesimi di euro al litro il prezzo del latte, se non accompagnato da misure a tutela del mercato, potrebbe determinare distorsioni dei listini al dettaglio con una valanga di rincari a danno dei consumatori. Lo afferma il Codacons, pronto a denunciare il Governo alla Commissione Ue per illeciti aiuti di Stato.

“Siamo assolutamente a favore dei pastori sardi e delle loro sacrosante richieste, ma in questa fase è fondamentale tutelare anche le esigenze dei consumatori – spiega il presidente Carlo Rienzi –. La maggiore equità nella determinazione dei prezzi del latte e il ripristino di una corretta filiera non può in nessun caso comportare costi a carico dei cittadini: l’intervento del Governo per ritirare 60.000 tonnellate di produzione di pecorino romano e far salire il prezzo a 72 centesimi al litro, se non accompagnato da disposizioni anti-rincari, rischia di determinare una stangata sui prezzi al dettaglio con un aumento generalizzato dei listini non solo per il latte sfuso, ma per tutti i prodotti trasformati (yogurt, dolciumi, formaggi, ecc.)”.

“Il Governo deve pertanto studiare misure per ristabilire l’equilibrio nella filiera evitando tuttavia che i maggiori oneri per l’industria legati all’aumento del prezzo del latte siano scaricati dalle aziende sui consumatori finali, attraverso un aumento dei listini al dettaglio. In caso contrario sarebbe inevitabile un ricorso alla Commissione Ue per la fattispecie di aiuti di Stato vietati dalla normativa vigente” conclude il Codacons.

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox