24 Gennaio 2012

PROTESI PIP, SONO 263 IN TUTTA LA REGIONE TOSCANA. VIENE PRESO IN CARICO CHIUNQUE SI RIVOLGE A NOI 

PROTESI PIP, SONO 263 IN TUTTA LA REGIONE TOSCANA. VIENE PRESO IN CARICO CHIUNQUE SI RIVOLGE A NOI 

Firenze, 24 gennaio 2012 -"Abbiamo finito proprio oggi la mappatura di tutte le protesi Pip impiantate sull’ intero territorio regionale, e lunedì prossimo porterò in giunta una delibera in cui si definisce l’ intero percorso organizzativo-assistenziale per la presa in carico di tutti i casi. Come peraltro avevamo già annunciato lo scorso 5 gennaio, e come stiamo già facendo". L’ assessore al diritto alla salute Daniela Scaramuccia ci tiene a far chiarezza su come si sta muovendo la Regione a proposito delle protesi mammarie di tipo Pip (Poly Implant Prothèse), soprattutto dopo la notizia che il Codacons ha annunciato ricorso al Tar contro l’ Azienda ospedaliero-universitaria pisana, che, secondo il Codacons, avrebbe rifiutato l’ espianto delle protesi a una signora che nei giorni scorsi si era rivolta a loro. "Non rimandiamo indietro nessuno – assicura l’ assessore – Stiamo prendendo in carico tutte le pazienti che si rivolgono a noi". La rilevazione che si è conclusa ieri ha evidenziato che sono 263 i casi di impianto di protesi mammarie di tipo Pip in tutta la Regione. E finora sono una decina le pazienti che si sono rivolte alle Asl e alle quali è stata garantita la totale presa in carico, per l’ espianto delle protesi, e il successivo reimpianto di nuove protesi, più sicure.
 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox