18 Aprile 2013

PROTESI PIP: PROSEGUE A PISTOIA PER ORDINE DEL GIP L’INDAGINE SULLE PROTESI PERICOLOSE

PROTESI PIP: PROSEGUE A PISTOIA PER ORDINE DEL GIP L’INDAGINE SULLE PROTESI PERICOLOSE
IL TRIBUNALE DI PISTOIA RIFIUTA DI ARCHIVIARE LA DENUNCIA DI UNA DONNA CHE AVEVA SUBITO L’IMPIANTO

 

Il Tribunale di Pistoia (Gip Patrizia Martucci) ha accolto l’opposizione presentata dal Codacons contro la richiesta di archiviazione, da parte del PM, della denuncia presentata da una giovane donna residente nella città toscana, alla quale era stata impiantata una protesi PIP. Il Gip ha ora fissato un’udienza in Camera di Consiglio.
La  donna – spiega il Codacons – è una delle molte vittime cui è stata impiantata una protesi rivelatasi poi pericolosa per la salute umana. Insieme a molte altre si è rivolta al Codacons per sporgere querela presso la Procura della Repubblica, ed ha avviato l’azione risarcitoria promossa dall’associazione.
Considerata la dimostrata tossicità del gel in silicone utilizzato in queste protesi, non conforme a quelli autorizzati dalla legge – continua il Codacons – la sentenza di archiviazione del caso appare del tutto immotivata. Per questo ci siamo opposti alla decisione del Pm, riuscendo a far fissare una nuova udienza per far si che proseguano le indagini sui danni fisici e psicologici subiti da chi ha si è visto impiantare una protesi pericolosa per la salute umana.

 

Previous Next
Close
Test Caption
Test Description goes like this
WordPress Lightbox